0

A settembre 2019 potrebbe nascere in Francia l’Armée de l’air et de l’espace.

La Francia  procede speditamente nella definizione del piano per controllare lo spazio fuori dall’orbita terrestre.
 L’annuncio è proprio del ministro della Difesa, Florence Parly che, durante un incontro nella base aerea di Mont Verdun, ha descritto la sostanza del piano approvato dal governo Macron per la creazione di un’unità militare spaziale.
Si prevede un incremento di 750 milioni di dollari al budget spaziale già stanziato di 4 miliardi di dollari per il periodo 2019-2025 e la creazione di un’unità specializzata nella difesa dei sistemi satellitari del Paese.
Si ricorda che a inizio luglio il presidente francese Emmanuel Macron aveva anticipato l’intenzione, entro settembre, di costituire un reparto apposito dell’aeronautica destinato alla difesa dei sistemi di telecomunicazione satellitare del Paese.
Contestualmente, l’aeronautica francese potrebbe cambiare nome e diventare l’Armée de l’air et de l’espace, cioè l’Armata del cielo e dello spazio.
In tal modo, secondo le autorità francesi,si contrasterebbero eventuali tentativi di danneggiare i satelliti per le telecomunicazioni francesi, come ad esempio il tentativo di sabotaggio nei confronti del satellite militare franco-italiano Athena-Fidus, che sarebbe avvenuto nel 2017 su iniziativa della Russia.
0

Cina e Francia avviano un’intensa collaborazione spaziale.

 

 
 
In occasione della visita del presidente cinese Chine Xi Jinping in Francia il CNES e il CNSA  ( l’agenzia spaziale cinese) hanno sottoscritto un accordo spaziale concernente sia l’esplorazione planetaria con specifico riferimento all’esplorazione lunare., sia lo studio con i satelliti dei cambiamenti climatici.
0

Corte dei Conti francese: perplessità sul futuro del lanciatore Ariane 6.

La Corte dei Conti francese non risparmia critiche ai programmi spaziali francesi. Ne abbiamo parlato più volte.
Ora sotto tiro è il programma Ariane 6.
Al riguardo vi è un rapporto circostanziato propriop  sul rapporto pubblicato nel 2019.
Ariane 6 non sembra avere caratteristiche efficaci di concorrenzialità  rispetto soprattutto ai lanciatori privati come Space X, Blue Orign e Virgin Galactic
In definitiva per la Corte dei Conti francese Ariane 6  varato in ESA nel 2014 è soltanto una risposta transitoria nello sviluppo dei lanciatori.
0

La ” neutrale” confederazione elvetica si appresta a realizzare un satellite spia con la Francia.

Si parla molto  negli ambienti internazionali di una possibile cooperazione svizzero-francese per lo sviluppo di un nuovo satellite spia.
L’eventuale partecipazione elvetica al programma satellitare francese CSO ( Composante spatiale optique), secondo il Dipartimento federale della difesa (DDPS) , non metterebbe in discussione la neutralità elvetica, in quanto sussisterebbe la possibilità per la Svizzera di ritirarsi in qualsiasi momento.
La decisione comunque non sarebbe ancora ufficiale.
0

Geopolitica spaziale: missione congiunta sino. francese per il lancio di un satellite oceanografico.

Il satellite franco-cinese CFOSat (China France Oceanography Satellite) è stato posizionato in orbita  a 530 oebita d’altezza il 29 ottobre scorso mediante il lanciatore cinese Lunga Marcia 2C dalla base Jiuquan nella Momgolia interna.
Il suo obiettivo è lo studio delle caratteristiche del vento e delle onde di superficie degli oceani  per una migliore predizione delle variazioni climatiche.
Il presidente cinese Xi Jinping e il suo omologo francese Emmanuel Macron si sono scambiati messaggi di congratulazioni
 Nel suo messaggio, Xi Jinping ha sottolineato che la cooperazione instaurata in campo aerospaziale costituisce una parte importante della partnership strategica globale sinofrancese
.Dal canto suo, Emmanuel Macron ha affermato che il successo di questo lancio segna un passo importante nella cooperazione in campo aerospaziale tra i due Paesi. La cooperazione in questo settore costituisce una parte importante della cooperazione strategica bilaterale.
0

Germania e Francia per una difesa comune europea.

In questi mesi si parla molto in Europa di difesa comune  e lo fanno soprattutto Francia e Germania.
Infatti va segnalato come sigbificativo l’accordo di ualche mese fa tra  il ministro francese della Difesa, Florence Parly, e il suo omologo tedesco, Ursula von der Leyen, hanno firmato degli accordi per lanciare il Sistema di combattimento aereo del futuro (Scaf) e il Main Ground Combat System (Mgcs) In quel contesto un punto di forza dell’accordo è stato anche dedicato
settore spaziale, con un’intesa trovata per l’invio del satellite militare Cso3 sul lanciatore Ariane 6.
Il satellite, CSO 3, ad alta risoluzione ottica è programmato per il 2021
Nel 2010 è stato lanciato CSO1 e nel 2013 CSO3.

 

0

Cooperazione spaziale tra Francia e Corea del Sud.

Nei giorni scorsi si è tenuto a Parigi il secondo Forum tra Francia e Corea del Sud, organizzato da CNES e l’agenzia spaziale coreana KARI.
L’accordo che fa seguito al Memorandum d’intesa del 2016 concerne molti progetti di collaborazione  nello sviluppo di satelliti e realizzazione  del segmento di terra  coreano.
0

Non solo navi, ma anche satelliti. Matrimonio in vista tra Italia e Francia?

Bisogna andare avanti in una politica comune italo francese in campo spaziale.
Cosi, per quanto si apprenda dal recente business forum Italia-Francia, la pensano sia il ministro francese dell’Economia, Bruno Le Marie, sia il Ministro dello sviluppo economico italiano Carlo Calenda.
Vi sono già partecipazioni incrociate e potrebbe essere utile costruire un rapporto paritetico, in modo aperto.
L’Italia ovviamente deve essere prudente ed evitare di essere subalterna  alla Francia.
Questo è il nostro sommesso pensiero.
Se ne parlerà anche nei prossimi giorni, campagna elettorale permettendo.
0

Francia e Germania le vere locomotive dell’ESA.

Come si apprende da Space News si sono incontrati il 24 ottobre scorso a Brema rappresentanti del CNES e della DLR  ed hanno posto in evidenza come i due Paesi siano il traino dell’europa spaziale, sostenendo insieme più del 50% del budget delll’ESA.
La cooperazione franco tedesca è alla base del successo intero dell’Europa spaziale, secondo il direttore dei programmi del CNES Jean Pascal Le Franc.
Dunque ci troviamo di fronte s due locomotive con l’Italia che è il terzo stato pagante che rischia di fare la comparsa, malgrado l’ottimismo dei rappresentanti italiani?
0

Cina e Francia insieme per studiare uragani e cicloni.

Cina e Francia lanceranno nello spazio il satellite CFOSAT che  nella seconda metà del prossimo anno per migliorare le previsioni meteorologiche e, nello specifico, per prevedere in modo sempre più preciso la formazione di uragani e cicloni.
 CFOSAT, che inizialmente doveva essere frutto di una collaborazione della CIna con l’ESA, pesa 650kg, orbiterà attorno alla Terra ad una quota di 500 chilometri e sarà operativo per tre anni.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald