0

Accordo tra Roma Capitale ed ENEA.

La giunta  Capitolina ha dato il via libera per la sottoscrizione di una convenzione tra Roma Capitale e l’Enea, finalizzata a promuovere ricerche e impianti pilota dedicati prevalentemente all’economia circolare
. L’accordo prevede, in particolare, collaborazioni nella gestione dei materiali post-consumo, l’analisi tecnico-economica delle migliori tecnologie per il recupero dei materiali, l’efficientamento energetico, l’energia rinnovabile e la resilienza, analisi e ottimizzazione delle metodologie e delle modalità di raccolta differenziata, promozione dei sistemi per la gestione della frazione organica, certificazione ambientale di cicli e sistemi di gestione dei rifiuti, sviluppo di strumenti di sensibilizzazione e formazione. “Nello specifico l’Enea svilupperà alcune attività utili per l’Amministrazione.
Vio è da segnalare anche che l’ENEA e l’Agenzia Spaziale Italiana organizzano il primo giugno prossimo una giornata di incontri e visite, alla presenza dei rispettivi presidenti per mettere a fuoco, a valle dell’Accordo Quadro stipulato tra le parti, le principali tematiche di comune interesse.
 La giornata, come precisa l’ASI, sarà articolata in due sessioni: la prima, dedicata alla presentazione delle attività ENEA ed ASI e alla descrizione di alcuni progetti già operativi, svolti in collaborazione tra i due enti; la seconda, nel pomeriggio in cui saranno previste visite ad alcuni laboratori ed impianti di possibile interesse per le attività in ambito spaziale.
0

Chi va sulla Luna, chi su Marte e il Giappone punta alle Lune di Marte.

Nelle prossime decadi l’obiettivo delle maggiori agenzie spaziali nel mondo saranno Luna e Marte.
Il giappone gioca una variante:ha l’obiettivo di esplorare le Lune di Marte.
Sta lavorando infatti alla Martian Moons Exploration che punta a spedire una navicella robotica su Fobos e Deimos per prelevare campioni della loro superficie e spedirli poi sulla Terra.
Si potrà comprendere in tal modo l’origine dei due satelliti naturali di Marte, ad oggi ancora misteriosa.
0

All’asta la borsa utilizzata nel primo viaggio sulla Luna: cifra da capogiro di 4 milioni di dollari.

Il 20 luglio prossimo Sotheby’s New York batterà infatti all’asta la borsa utilizzata da Neil Armstrong durante il primo viaggio dell’uomo sulla Luna avvenuto nel 1969.
Con questa borsa l’astronauta portò sulla terra alcuni campioni del terreno lunare raccolti durante la missione Apollo 11.
Il prezzo potrebbe arrivare a 4 milioni di dollari.
0

ASI: collaborazione internazionale con Malta.

Vi è stata il 29 maggio 2017 la consueta approvazione di raffiche di provvedimenti da parte del CDA dell’ASI.
Ve ne sono per tutte le salse. Tra questi è stata approvata anche una collaborazione ( lettera di intenti) dell’ASI con il Consiglio di Malta per le scienze e le tecnologie.
Mancava all’appello!

0

Il riordino delle competenze spaziali ora all’esame della Camera dei deputati.

Il disegno di legge sul riordino delle attività aerospaziali approvato dal Senato nei giorni scorsi è stato trasmesso dal prersidente del Senato  alla Camera dei deputati per il prosieguo dell’esame parlamentare.
0

CIRA: cercansi avvocati.

E’ pubblicato sul sito internet del CIRA un Avviso pubblico per invito a procedura negoziata finalizzato alla selezione di Avvocati per l’affidamento di servizi legali stragiudiziali.
Anche nel CIRA, come in ASI frequenti sono i contenziosi e pertanto vi è bisogno di avvocati.
0

Spermatozoi in orbita.

E’ di questi giorni la notizia che un gruppo di ricercatori giapponesi della Università di Yamanashi avrebbe condotto un esperimento utilizzando dei campioni di sperma di topo disidratato e congelato – precedentemente conservati presso la Stazione Spaziale Internazionale nel tentativo di avviare un ciclo riproduttivo.
Il risultato dell’esperimento, pubblicato sarebbe stato confortante ed avrebbe generato creature  perfettamente sane.
L’esperimento è considerato di estrema importanza perchè fa fa ipotizzare un impatto positivo di tale tecnica anche sulla vita umana e sulla preservazione della fertilità qualora si andasse a vivere nello spazio.
0

Armi e satelliti all’Arabia Saudita.

Dopo la visita di Trump in Arabia Saudita, si apre una stagione di accordi commerciali da centinaia di miliardi di dollari tra USA e Atabia Saudita.
Ne neneficeranno giganti industriali come Boeing, General Electric e Lockkheed.
Molti saranno gli affari  ufficialmente avviati con l’accordo sottoscritto  per armi e sistemi di difesa che il Governo saudita comprerà dagli USA per 110 miliardi di dollari con l’obiettivo di arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni.
 Maggiore beneficiario sarà la Lockheed Martin, che ha già pronto per Riad un sistema missilistico Thaad che da solo vale più di un miliardo di dollari, oltre che satelliti e sistemi software per il controllo dei missili.
0

Nasce la fondazione Edoardo Amaldi.

Nei giorni scorsi, in occasione del convegno sulla Priomavera dell’Innovazione è nata la fondazione Edoardo Amaldi che ha lo scopo di mettere in rete le diverse eccellenze nazionali per sfruttare appieno le potenzialità del trasferimento tecnologico.
L’investimento iniziale è di 4 milioni di Euro deciso dai membri della fondazione, l’Agenzia Spaziale Italiana e il consorzio Hypatia, che hanno dato vita al progetto Ketlab.
Speriamo che sia una cosa seria degna del nome a cui è dedicata!
0

Ecco il disegno di legge in bozza sul riordino delle competenze aerospaziali approvato dal Senato!

Il testo sul riordino delle competenze spaziali, approvato dal Senato, dovrà essere discusso dall’altro ramo del parlamento.
Qui di seguito si puà leggere il testo definivo in bozza approvato dal Senato.
Riuscirà il disegno di legge a diventare legge dello Stato, in considerazione del possibile scioglimento delle Camere a fine Estate?

Copyright © 2017 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald