0

Il Partito Democratico e l’Aerospazio.

 Il Partito democratico ha pubblicato recentemente il proprio documento programmatico per l’Aerospazio.

Il responsabile del PD per il settore è l’on Daniele  Marantelli.
0

Il Presidente di Lazio Innova nel cluster tecnologico nazionale aerospazio.

 

Si apprende che il l presidente di Lazio Innova, società in house della Regione Lazio, Nicola Tasco entra a far parte del board del Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio.

0

Gli incarichi “intuitu personae”dovrebbbero essere vietati secondo una recentissima interrogazione parlamentare.

0

Il Ministro spagnolo della scienza Pedro Duque contro l’autonomia spaziale della Catalogna.

0

Declaratorie ed organigramma dell’ASI: dopo una lunga gestazione tra accelerazioni e frenate sembra ormai prossimo il traguardo. Si aspettano soltanto i nomi dei responsabili delle numerosissime caselle.

 Per quanto sia a nostra conoscenza sarebbero  state inviate a tutto il personale le  Declaratorie e l’Organigramma della nuova struttura organizzativa ASI.
La struttura appare articolata in numerose caselle  con il  rischio, secondo i sindacati “di avere uffici, se non unità, costituiti da pochi dipendenti con una possibile frammentazione delle attività che potrebbe portare a conflitti di competenze.”(vedi anche un nostro articolo precedente)
Non resta dunque che attendere l’ufficialità dei vari responsabili , molti dei quali, soprattutto per quelli livello amministrativo apicale, potrebbero essere  comandati o distaccati da altre organizzazioni.
Vi saranno novità nei nomi  che già circolano  o rimarrà tutto sostanzialmente inalterato?

0

Norvegia, Austria e Spagna, ma anche Polonia e Belgio potrebbero entrare in dirittura d’arrivo nella selezione in ESA per la Direzione Generale.

 Ormai siamo alle semifinali, in gergo sportivo.
A tre candidati, quello norvegese, austriaco e spagnolo si aggiungerebbero in una cinquina allargata i candidati belga e polacco.
Tornando alla terna, secondo “Formiche”:
Con Duque sarebbero rimasti Josef Aschbacher e Christian Hauglie-Hanssen. Il primo, austriaco, guida dal 2016 l’Esrin, il centro europeo specializzato in osservazione della Terra basato a Frascati, in Italia. È altresì direttore dei Programmi di osservazione terrestre dell’Esa con grande esperienza all’interno dell’ente e potrebbe contare su un’intesa tra Francia e Germania per sostenere il suo nome. Il secondo, norvegese, è direttore generale dell’agenzia spaziale di Oslo, con background industriale. Nonostante il forte appoggio del governo, sulla sua candidatura pesa l’assenza della Norvegia dall’Unione europea.
Si conferma  dunque il niet per l’Italia.
Un bel  raccolto dopo la la semina di tanti miliardi di euro nell’ulima conferenza interministeriale di Siviglia!
Occorrerà in tempi brevi (è ormai l’opinione di molti), compatibilmente con  la terribile pandemia da Covid, riflettere seriamente sulle strategie portate avanti dal Comint della Presidenza del Consiglio.

0

ESA: l’esclusione della candidata italiana alla Direzione Generale dell’ESA e possibili compensazioni per l’Italia.

ESA: che brutta figura per lo Stato Italiano!
Nell’articolo tra l’altro, dopo aver commentato la notizia dell’esclusione della candidata italiana  alla Direzione Generale dell’ESA si dice anche testualmente:
“Speriamo almeno -se ‘La Verità’ dice il vero- che sia pronto un piano alternativo, e che al nostro Paese competano il Direttorato di Telecomunicazioni, per guidare sia la transizione verso il G5 che la trasformazione digitale, e il Direttorato per l’Esplorazione, per presidiare gli accordi appena siglati con gli Stati Uniti per il programma di esplorazione lunare Artemis.”
“Sarebbe l’unico modo per bilanciare un po’ del potere contrattuale e negoziale delle due Nazioni locomotiva, qualora nelle nobili stanze di Piazza Colonna non sia stato compreso che Francia e Germania governano un continente con arroganza e dispotismo senza nessuna force de frappe adeguata a far valere il proprio peso.”
0

Organi di stampa nazionali confermano l’esclusione della candidatura italiana dalla direzione generale dell’ESA.

0

La vicenda della direzione generale dell’ESA: continuano le indiscrezioni.

 Filtrano  indiscrezioni sulla vicenda della direzione generale dell’ESA ove ci continuano a confermare cattive notizie per l’Italia dopo l’esclusione finora non smentita delle candidature italiana ( notizia de ” La Verità del 29 /10 /2020).
Sembrerebbe che i candidati in lizza potrebbero essere il norvegese, l’austriaco e lo spagnolo.
Attendiamo conferme.
Speriamo che non siano vere e che alla fine non si inizi a parlare di Waterloo italiana.
Che venga evitato questo smacco eminentemente politico
0

Direttore Generale dell’ASI: tutto da rifare. Revoca della procedura di selezione bandita un anno fa.

“Autorizzazione alla revoca della procedura selettiva autorizzata con delibera del Consiglio di amministrazione n. 2/2019 ed avviata con Decreto del Presidente n. 10/2019, del 4 settembre 2019, avente ad oggetto “Avviso n. 9/2019 – Procedura comparativa finalizzata alla individuazione di idonee candidature per l’incarico di Direttore generale dell’Agenzia Spaziale Italiana”.”
Si ritorna quindi al punto di partenza.
Si riapre quindi la partita con nuove candidature.
Copyright © 2020 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald