0

In orbita un satellite americano per la manutenzione commerciale satellitare.

Si apprende che nei giorni scorsi ò stato lanciato il primo meccanico spaziale, il satellite Mev-1 (Mission Extension Vehicle) nato per iniziativa di una joint-venture di aziende americane. Portato in orbita da un un razzo Proton partito dalla base russa di Baikonur (Kazakhstan), il satellite  è nato per iniziativa di una joint-venture di aziende americane.
Dovrà viaggiare per 36.000 chilometri per agganciarsi al satellite per le telecomunicazioni, Intelsat 901, in funzione da 18 anni, per dargli energia con i suoi pannelli solari. In questo modo ne prolungherà la vita operativa di cinque anni.
Si tratta della prima missione di manutenzione commerciale di un satellite e tenterà il primo aggancio in assoluto tra due veicoli spaziali nell’orbita geostazionaria, alla quota di 36.000 chilometri.
0

Verso un polo aerospaziale siciliano.

Il 24 ottobre pv vi sarà la convention istitutiva del Polo aerospaziale siciliano per l’ambiente.  presso l’Aeroporto“Pio La Torre” di Comiso.
Con questo convegno  Comiso è posta al centro dell’attenzione come possibile sede in cui realizzare nuove ricerche, nuovi studi e produzioni di tecnologie aerospaziali per usi civili, ed in particolare per il monitoraggio ambientale e climatico.
Vi parteciperanno autorità della regione siciliana ed i principali  soggetti istituzionali  ed imprenditoriali  interessati all’attività spaziale.
0

Il presidente dell’ASI interviene all’innovation day di Stanford alla presenza del Presidente della Repubblica. Quali saranno gli investimenti finanziari italiani in ESA?

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha presenziato il 18 ottobre scorso ha presenziato all’Italy-USA innovation in programma alla Stanford University.
In quell’occasione il Presidente dell’ASI  Saccoccia ha sottolineato come oggi l’Italia “sia uno dei pochi Paesi al mondo ad operare in tutti i settori della ricerca e delle applicazioni spaziali” (sito internet dell’ASI)
Ha anche aggiunto che «Grazie a questa capacità costruita con impegno nel corso di decenni – ha aggiunto il Presidente Saccoccia – l’Italia è anche uno dei Paesi leader in Europa in questo settore e tra poco più di un mese dovrà sostenere questo ruolo chiave nel corso della Consiglio Ministeriale dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea, durante il quale verranno decisi gli investimenti per molti anni a venire, necessari a completare ed avviare programmi spaziali Europei di altissimo valore e grande ritorno economico ed innovativo per il nostro continente».
Sappiamo anche quali saranno i finanziamenti all’ESA previsti per l’Italia e quale sarà la composizione della delegazione italiana alla conferenza ministerilale dell’ESA prevista alla fine di Novembre  prossimo a Siviglia?
0

Il titolo Leonardo crolla alla borsa di Milano.

 Affonda sul mercato milanese il titolo Leonardo e registra un calo  del 3,35% sulla scia del crollo della francese Thales -5,53% sulla borsa di Parigi.
L’azienda transalpina specializzata nel settore aerospaziale, nella difesa e nel trasporto terrestre, ha rivisto al ribasso le vendite dell’anno, stimando una crescita dei ricavi attorno all’1% su base organica, contro il +3% indicato in precedenza.
La causa è il rallentamento delle vendite della divisione aerospaziale, soprattutto legate alla debolezza delle attività relative.
0

Conflitto turco-curdo: utilizzati i satelliti spia Gokturk.

In questi giorni l’attenzione internazionale è focalizzata sul conflitto tra Turchi e Curdi in Siria ed a tale proposito si parla anche del rilevante export dell’Italia verso la Turchia
Vi fanno parte anche satelliti Gokturk-1 e 2, di fabbricazione nazionale, sono ad risoluzione e tutti gestiti dal MIT (Milli Istihbarat Teşkilati) il servizio segreto turco.
Sono satelliti ottici ad alta risoluzione lanciati a partire  dal 2016 dalla Guyana francese. Il satellite è frutto del Centro spaziale del Fucino (Telespazio), una joint venture tra Leonardo (67%) e Thales/Alenia (33%).
0

Protocollo d’intesa tra MIUR ed ANAC per una maggiore trasparenza sul reclutamento del personale.

Un nuovo ufficio che vigilerà sulla trasparenza e la regolarità del reclutamento accademico e un tavolo tecnico che elaborerà le nuove Linee guida dell’azione del Miur, dell’Anac e della Crui in materia di concorsi universitari.
Questi i principali strumenti  concordati nel Protocollo d’intesa firmato presso il Salone dei Ministri del Miur, dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Lorenzo Fioramonti e dal Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone, alla presenza del Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, Professor Gaetano Manfredi.
0

L’incontro di Tolosa tra Macron e Merkel rafforza la cooperazione spaziale bilaterale e … l’Italia?

Il recente incontro franco tedesco di Tolosa sancisce ancora una volta come l’Europa spaziale si a traino franco tedesco.
Tra Francia e Germania accordo su tutto ed anche sullo spazio, come si evince dalla dichiarazione di Tolosa dove un paragrafo è tutto dedicato allo spazio.
I due Paesi in particolare adottano una preferenza europea per i lanci di satelliti (Ariane 6), al fine di garantire l’accesso autonomo allo spazio
Nella dichiarazione tuttavia si parla solo dell’Ariane 6, e non dell’intera famiglia di vettori europei del futuro che comprenderà anche l’evoluzione del Vega.
Insomma è ormai evidente: nella conferenza interministeriale dell’ESA di fine novembre le carte saranno date da Francia e Germania e l’Italia cosa farà.
Non sappiamo nulla al riguardo, neanche quale sarà la sua delegazione e soprattutto quale la sua strategia.
0

A presto la nomina di un esperto spaziale da parte del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’aerospazio? Requisiti:competenza ed assenza di conflitti di interesse.

Riccardo Fraccaro, sottosegretario allo spazio, per quanto sia dato sapere, potrebbe avvalersi quanto prima  di  un proprio esperto.
Si ha notizia comunque  che  potrebbe essere  probabile  la nomina di un esperto spaziale da parte del Comint.

Lo abbiamo già  scritto un nostro articolo di qualche giorno fa.
Ci giunge l’ulteriore informazione  che la scelta potrebbe essere ristretta a due ” esperti” entrambi impegnati attivamente nel comparto aerospaziale.
E’  auspicabile una competenza nel settore, sempreché siano evitati conflitti di interesse  che non gioverebbero certamente alla definizione da  da parte del Comint  delle strategie spaziali.
Siamo sicuri di “sfondare” una porta aperta, tanto piì che il delicato tema del conflitto di interesse è particolarmente caro alla maggioranza di governo e segnatamente al movimento Cinque Stelle.
0

L’organizzazione degli uffici di diretta collaborazione del Presidente del Consiglio in via di definizione.

Come è precisato sul sito internet  della Presidenza del consiglio,   gli uffici di diretta collaborazione del Presidente ovvero l’ufficio del Presidente, l’ufficio stampa e del Portavoce del Presidente , quello del Consigliere diplomatico e quello dell’ufficio militare sono in via di definizione. Quanto sopra in forza dello spoil  system connesso al recente cambio di Governo.
Cambierà qualcosa quindi ad esempio in quello del consigliere militare, dove è incardinata anche la segreteria del Comint o rimarrà tutto immutato?
0

Mancanza di strategia e clima di sfiducia sono gli ingredienti fondamentali dell’attuale situazione del CIRA. I lavoratori in sciopero.

 ”L’ormai prossimo esaurimento della principale dotazione finanziaria costituita dal Programma nazionale di Ricerca Aerospaziale, i ritardi nell’emissione dell’atteso decreto di rifinanziamento e l’assenza di piani strategici in grado di garantire una prospettiva di medio-lungo periodo hanno spinto questa mattina le lavoratrici ed i lavoratori del CIRA di Capua ad incrociare le braccia.”
Nel  CIRA dunque in piena crisi., da qualche giorno è scaduto il mandato del direttore generale ad interim e tutte le funzioni sarebbero in capo al Presidente.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald