0

Gli attriti spaziali nazionali.

0

Terrapiattisti e complottisti esistono ancora… anche in Italia.

Tante le assurdità.
I dinosauri non sono mai esistiti . Intorno alla terra piatta vi è un’altissima montagna di ghiaccio presidiata da un esercito di Guardiani, da più di duemila anni.
Negli Stati Uniti i terrapiattisti si stanno preparando al ‘viaggio del secolo.
Per il 2020 la Flat Earth International Conference sta organizzando una crociera intorno al mondo e sul suo sito la presenta come “la più grande, bella e migliore avventura di sempre”. Al momento non è noto, però, se per la navigazione verrano utilizzati i dati dei satelliti e le carte di navigazioni, basati sul presupposto che la Terra abbia una forma sferica.
I terrapiattisti sono anche in Italia e il 24 agosto 2018 si sono addirittura riuniti in un convegno nazionale ad Agerola, sulla Costiera Amalfitana.
Che dire?
Ogni commento è superfluo.
0

Bruxelles: conferenza spaziale europea.

 

A Bruxelles dal 22 al 23 gennaio 2019 si terrà l’undicesima  conferenza annuale sulla politica spaziale europea.
La conferenza verterà su “Politiche dell’Ue strategiche per spazio autonomo, difesa e sicurezza”, per poi affrontare anche l’utilizzo degli strumenti spaziali per clima e ambiente, le radiocomunicazioni, il fondo europeo per la difesa, e da ultimo il tema degli sviluppi futuri dell’industria spaziale europea. nel periodo 2021-2027.
Sono attesi circa 1.200 partecipanti e oltre 60 interventi: si confronteranno autorità delle istituzioni europee, dei governi nazionali, rappresentanti delle organizzazioni internazionali e del mondo dell’industria.
0

Recenti lanci di satelliti Iridium.

L’ultimo gruppo di satelliti Iridium Next, costruiti da Thales Alenia Space, joint venture Thales (67%) e Leonardo (33%), è stato lanciato con successo dalla base militare di Vandenberg in California.
 La flotta Iridium Next è ora completa e operativa.
Si articola in 66 satelliti a un’altitudine di 780 chilometri ed è organizzata in sei piani orbitali con 11 satelliti per ogni piano.
Nella costellazione  inoltre vi sono nove satelliti di riserva in un’orbita di parcheggio e altri sei satelliti di riserva a terra.
0

Nuovi vertici all’ASI: persone competenti, ineccepibili moralmente, ma anche graditi al Governo.

Alla fine del mese in corso, scadranno i termini per la presentazione delle candidature a Presidente dell’ASI.
L’obiettivo è identificare profili di alto valore scientifico, tecnico e manageriale  e di specchiata moralità.
I candidati dovranno essere anche graditi al Governo.
Ci sembra ovvio, in particolare per il comparto spaziale, strategico per il Paese, in cui l’ASI dovrà operare in presa diretta con il Comitato interministeriale per lo spazio istituto  a Palazzo Chigi nei mesi scorsi.
Sarà facile trovare una tale figura ?
0

Si riduce il confine tra fantascienza e realtà: presto sarà approntato un sistema di difesa spaziale contro gli asteroidi.

 

La NASA sta lavorando ad un progetto per evitare una fine simile a quella subita dai dinosauri.
Si chiama  Double Asteroid Redirection Test, o DART.
Al momento  è soltanto un prototipo, un test per verificare se una tecnologia del genere potrà salvarci da un’eventuale estinzione dovuta ad un contatto di asteroide.
E’ in particolare il test di un sistema difensivo  di una delle tecnologie dedicate ad evitare un impatto disastroso di un asteroide con la Terra.
L’impatto, che comunque avverrà solamente tra il 2022 e il 2024, avverrà ad una velocità di 3,7 miglia al secondo o 21.436 km/h.
0

La seconda missione lunare indiana è rimandata.

L’Agenzia spaziale indiana  per la ricerca spaziale  (Isro) ha recentemente reso noto  che la seconda missione lunare, inizialmente prevista per gennaio-febbraio prossimi, non avverrà prima della fine di aprile, poichè.  devono essere ancora completati alcuni test, programmati per marzo-aprile. Se il lancio della missione, chiamata Chandrayaan-2, non sarà possibile nell’ultima settimana di aprile, sarà spostato ulteriormente a giugno.
La missione prevede l’utilizzo di un veicolo di allunaggio che, secondo il progetto iniziale, sarebbe stato fornito dall’agenzia spaziale russa Roscosmos..
L’accotdo , tuttavia, non è stato mai concluso.
0

Space X promette grandi imprese spaziali, ma riduce il personale.

 

SpaceX  farà grandi cose nello spazio, ma con un’organizzazione più snella.
Infatti, taglierà il 10% della forza lavoro, a conferma di alcune indiscrezioni trapelate nelle ore precedenti dal Los Angeles Times.
Motivi? Un “riallineamento strategico“, progettato per garantire un migliore posizionamento della compagnia e soprattutto per ottenere un maggiore successo a lungo termini.
SpaceX, secondo il Wall Street Journal, guadagna circa 2,5 miliardi di dollari grazie ai contratti con le organizzazioni come la NASA ed aziende del calibro di Iridium, con cui ha collaborato sul recente lancio di alcuni satelliti.
Nuovi introiti finanziari potrebbero derivare dal contratto miliardario con il giapponese Yusaku Mezawa.
0

Molti i candidati alla Presidenza dell’ASI con molteplici esperienze anche in campo militare.

Abbiamo dato notizia qualche giorno fa del fatto che la Procura militare ha ritirato il ricorso contro l’assoluzione del generale Pasquale Preziosa accusato a suo tempo di “accanimento” contro un altro generale dell’Aeronautica.      -
Ebbene l’ex Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica già interpellato dal Ministro Bussetti  come commissario straordinario dell’ASI ( vedi l’intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno del 12/01/2019), avrebbe senza dubbio tutti i titoli per concorrere alla Presidenza dell’Agenzia Spaziale.
Se ne parla molto in questi giorni.
In tal caso nel  settore spaziale nazionale  vi sarebbero   un ex Capo di stato Maggiore dell’Aeronautica all’ASI e un Ammiraglio di Squadra navale alla Presidenza del consiglio dei Ministri.
0

La Giordania fa ingresso nell’arena spaziale e lancia un piccolo satellite.

Le autorità governative giordane hanno dato notizia nello scorso mese del lancio del satellite JY1-SAT dedicato a scopi educativi.
Si tratta di un primo satellite interamente realizzato in Giordania da giovani ingegneri.-
E’ stato posto in orbita in onore del precedente Re Hussein.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald