0

Nelle collaborazioni spaziali dell’Ucraina anche il Pakistan

L’Ucraina si trova da mesi in una difficile situazione politica  da cui può venire nettamente modificata la sua geografia, a seguito delle annessioni di molte popolazioni separatiste con la grande madre Russia.
Eppure , sembra curioso, ma l’ucraina in queste giornate difficili continua ad impegnarsi nei programmi spaziali che la vedono da tempo collaborare con Brasile, Stati Uniti, Russia , Cina ed ESA.
A questo set di collaborazioni se ne aggiunge un altro. si tratta del Pakistan con cui già dal 2012 sono state avviate collaborazioni dell’Ucraina in vari settori come quelli dei lanciatori, il telerilevamento, la formazione del personale.
0

La questione dell’Ucraina: probabili ripercussioni sulla stazione spaziale?

Di giorno in giorno i rapporti tra Russia ed Ucraina si deteriorano  ed il futuro non fa ben sperare nè per le relazioni tra i due Paesi nè per l’equilibio dell’intero scacchiere europeo.
Mutano anche di conseguenza i rapporti tra Federazione russa e Stati Uniti.
E’ prevedibile che si avranno conseguenze anche sugli assetti spaziali, come già abbiamo posto in evidenza in un precedente articolo
Ci riferiamo anzitutto alla stazione spaziale, agli astronauti in volo ed ai rifornimenti assicurati dalla soyuz russa che  è attualmente l’unico mezzo in grado di trasportare gli astronauti nello spazio.
Al tempo stesso non va trascurata tutta la politica dei lanciatori spaziali in cui è appare predominante  il ruolo della Russia..
Non poche sono pertanto le preoccupazioni della NASA che confida ovviamente sull’immodificabilità dei rapporti con i Russi
Insomma ci troviamo di fronte una situazione molto complessa chr può incidere sull’autonomia occidentare nel settore dei lanciatori, Bisognerebbe perciò essere prudenti  nel prendere decisioni che comportino l’applicazioni di sanzioni dell’Europa nei confronti della Russia.
0

I venti di guerra fredda tra Federazione russa ed Unione Europea.

E’ imminente il referendum in Crimea.
E’ molto probabile che l’esito sia favorevole all’annessione della Crimea alla Russia.
Quindi in questi giorni si giocano gli equilibri politici tra Federazione Russa da un lato ed USA e Paesi europei dall’altro.
L’Unione Europea di cui è discutibile quanto rappresenti veramente tutti i Paesi  che la compongono, alza la voce e parla di blocchi di beni, difficoltà nel concedere i visti e soprattutto di embargo per prodotti di tecnologia sensibile.
Come già abbiamo avuto occasione di porre in evidenza in altri articoli, è inevitabile che vi saranno ripercussioni anche nelle cooperazioni spaziali con conseguenze ancora non calcolabili in campo scientifico, tecnologico ed economico.
Ogni previsione sarebbe azzardata in questa nuova guerra fredda.
0

L’assemblea del Cospar del prossimo mese di Agosto: una cartina di tornasole sui rapporti tra USA e Federazione Russa.

La turbolenta situazione nei rapporti tra Federazione Russa e Ucraina si riflette inevitabilnmente anche sugli equilibri  delle collaborazioni internazionali.
Come già avemmo occasione di riferire ne potrebbero risentire proprio i rapporti tra USA e federazione Russa ed a cascata anche i rapporti sempre con la Russia dei Paesi europei tra cui l’Italia. Ciò accade inevitabilmente anche nel settore spaziale.
Per queste ragioni assume importanza strategica  l’Assemblea scientifica del Comitato  internazionale per le ricerche spaziali (COSPAR) che si terrà nel mese di Agosto 2014 in Russia.
Sarà un’occasione importante che consentirà di valutare se ed in quale misura  i rapporti tra i vari Paesi che si cimentano in campo spaziale  potranno subire modificazioni a causa del mutamento dei rapporti russo ucraini.
E’ chiaro  quindiche tutta l’attenzione sarà incentrata proprio su USA e Federazione Russa.
0

Venti dall’Est soffiano sul settore spaziale

La geopolitica gioca un ruolo fondamentale anche a livello sociale, economico ed industriale.
E’ fuore di dubbio che la grave crisi dell’ucraina minacciata dalla Russia può incidere profondamente in tutti i settori ed anche in quello spaziale.
Si alterano i rapporti (di cui abbiamo già parlato) con l’Ucraina , ma anche con la Russia da parte dell’USA,dell’Europa e dell’Italia.
Potrebbero farne le spese molte collaborazioni ed in primis quelle sulla stazione spaziale internazionale dove l’alleanza con la Russia è fondamentale.
Lo stesso dicasi per gli apporti della Russia per quanto riguarda i numerosi lanci spaziali.
Ancora una volta lo spazio si dimostra un tema importante della politica estera.
La situazione sarà certamente chiara, almeno si spera, al Ministro degli Esteri italiano.
0

Venti di guerra in Ucraina:ripercussioni per la tecnologia italiana.

Secondo molti analisti il conflitto russo ucraino non ha precedenti come gravità  nel secolo in corso.
Ripercussioni e non poche si hanno in tutti i Paesi europei ed ovviamente anche in Italia.
Ne risentirà anche il settore  della tecnologia avanzata  nel quale ad esempio il gruppo Finmeccanica sta sviluppando molti rapporti con organismi pubblici nel settore spaziale, delle comunicazioni e della sicurezza. Ne potrebbero risentire anche alcuni contratti  di Selex nel settore del controllo aereo e radaristico.
0

La cooperazione spaziale russo-ucraina.

Continua ad essere alta la tensione in Ucraina con sommosse e manifestazioni politiche di vasti settori della popolazione che vogliono entrare nell’unione Europea, malgrado l’avversione del Goveno sensibile invece alle resistenze di Putin.
Si tiene tra l’altro proprio in questi giorni la sesta riunione della Commissione interstatale russo-ucraina alla presenza dei Presidenti di entrambi gli Stati..
Non mancano all’ordine del giorno temi prioritari di cooperazione bilaterale riguardanti progetti di reciproco interesse come l’energia, l’agricoltura ed il settore spaziale che rappresenta da anni un punto di forza di entrambi i Paesi.
0

Notizie in pillole dall’Unione Europea

La rete dei paesi partecipanti al sistema di navigazione satellitare Galileo si allarga.
L’unione Europea ha infatti finalizzato un accordo con l’Ucraina che diventerà operativo a partire dal novembre 2013.
La politica spaziale dell’Unione Europea guarda quindi al di là dei propri orizzonti ed un primo esempio è   proprio la collaborazione con l’Ucraina.
0

La strategia spaziale dell’Ucraina.

L’Ucraina va avanti decisa nello sviluppo delle attività spaziali.
E’ di questi giorni la notizia dell’approvazione da parte del Governo Ucraino del piano spaziale 2013-2017
La strategia spaziale ucraina prevede il lancio di 3 satelliti (SICH per il telerilevamento il satellite di ricerca scientifica Microsat, Ums 1 un satellite sviluppato a livello universitario, la realizzazione del razzo cyclon 4 utile per il lancio di satelliti commerciali. e la messa in orbita di un satellite di telecomunicazioni.
Questi sono soltanto alcuni progetti di un ampio programma che prevede collaborazioni ad ampio raggio con
Unione Europea, Brasile, Canada, Stati Uniti, Kazakhstan e  l’agenzia spaziale europea.
0

Il lancio di mini satelliti per monitorare i disastri nucleari.

Giappone ed Ucraina stanno predisponendo un progetto per il monitoraggio mediante due minisatelliti dei mutamenti ambientali nelle aree di Cernobyl e Fukushima ove si verificarono i maggiori disastri della storia nucleare civile.
I due minisatelliti sono in fase di progettazione all’università di Tokyo e consentiranno di controllare il livello di diffusione delle sostanze radioattive e di valutare gli effetti su piante ed animali.
Il lancio dei satelliti previsto il prossimo anno avverrà da una stazione di lancio ucraina.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald