0

Trump ha nominato il nuovo capo del Pentagono. E’ stato un alto dirigente della Boeing.

P

Il Presidente americano Donald Trump ha nominato Patrick Shanahan come ministro della Difesa.
Il nuovo Capo del pentagono. già ad interim per ben 128 giorni, è un  ingegnere meccanico con un master al prestigioso MIT ed  è figlio di un reduce del Vietnam. Prima di entrare nella squadra di governo del presidente Trump, è stato un alto dirigente di Boeing, in cui ha lavorato per circa trent’anni, diventandone vicepresidente per le operazioni e il settore approvvigionamento.
0

Tensione tra Usa ed India: il lancio delmissile indiano preoccupa la NASA e non …poco.

L’Agenzia spaziale indiana ( lo abbiamo riferito in un precedente blog) ha distrutto nei giorni scorsi un satellite con un missile lanciato da Terra.
Si tratta della ”Missione Shakti”
Come conseguenza la potente deflagrazione ha prodotto oltre quattrocento detriti che si sono aggiunti alla già notevole ”spazzatura spaziale” in orbita intorno all’atmosfera, aumentando i rischi per la Stazione Spaziale Internazionale.
Vi è stata a tale proposito una denuncia vibbrata da parte  della NASA che ha sottolineato come ci siano ben 400 frammenti in più dopo l’esplosione del satellite decisa dagli indiani. Di questi ben sessanta hanno dimensioni superiori ai dieci centimetri e ventiquattro hanno intrapreso una traiettoria ”pericolosa” per la Stazione Spaziale Internazionale.
Vi sarebbe un rischio per la stazione spaziale di un impatto superiore al 40%,
 Non si è fatta attendere la reazione  dell’India che, attraverso G Satheesh Reddy, capo dell’Organizzazione per la ricerca e lo sviluppo della difesa del paese asiatico, ha fatto sapere come la distruzione dell’oggetto sia avvenuta a circa 300 chilometri, un’altitudine che non comporta alcun tipo di rischio per l’ISS visto che gli oggetti dovrebbero precipitare a terra tra qualche settimana.
0

Contrasto ai missili balistici intercontinentali: gli USA preparano armi spaziali.

I missili balistici intercontinentali in possesso di Cina, Russia, Corea del Nord e Iran rappresentano per gli USA una seria minaccia.
Ecco perchè  il Pentagono ha intenzione d dare maggiore impulso allo studio di vari tipi di armi spaziali.
Sono stati chiesti quindi ulteriori 304 milioni di dollari nel budget del 2020 per sviluppare nuove armi a fasci di luce, laser più potenti e altre nuove tecnologie per la difesa missilistica
Allo scopo sarebbero stati avviati due studi:
Il primo con un finanziamento di 15 milioni di dollari sui satelliti armati con laser per stabilire se possono essere in grado di intercettare e distruggere  missili nemici provenienti da piattaforme di lancio
Il secondo si riferisce ai fasci di particelle neutre basate nello  spazio, una forma diversa di energia diretta che distrugge i missili con flussi di particelle subatomiche che viaggiano vicino alla velocità della luce – al contrario dei laser, i cui fotoni viaggiano, appunto, alla velocità della luce.
0

USA: le spese spaziali del Pentagono.

Il Pentagono prevede di spendere ben  2 miliardi di dollari in cinque anni per creare la sua Forza spaziale.
E’ posto in evidenza dalla proposta legislativa del dipartimento della Difesa per la creazione del sesto ramo militare Usa.
Il documento legislativo, che è stato  trasmesso recentemente  al Congresso Usa, include anche i piani di trasferimento di 15.000 persone del dipartimento verso il nuovo comando, che rientrerà sotto  l’egida dell’l'Aeronautica.
Si ricords che Trump, a giugno scorso , ordinò al Pentagono di creare la Space Force come ramo separato dell’esercito e, all’inizio di questo mese, il capo della Casa Bianca ha firmato una direttiva per stabilirlo sotto la competenza dell’Aeronautica.
0

Marcia indietro: annullata visita in USA di Rogozin, rappresentante spaziale di Putin.

L’Amministratore della NASA, Jim Bridenstine, in un’intervista al Washington Post, ha spiegato di aver annullato la visita negli Stati Uniti del capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin, perché diversi senatori erano contrari.
 La visita di Rogozin negli Stati Uniti prevista per febbraio sarebbe stata dunque rinviata a tempo indeterminato.
Rogozin, nominato dal Presidente Putin suo rappresentante speciale per la cooperazione internazionale nel settore spaziale. avrebbe dovuto tenere nel corso della visita  incontri
  con i rappresentanti della Boeing e alla sede degli International Launch Services.
0

Trump firma il decreto per la creazione dello Space Command. Si va verso lo spazio militarizzato.

Il Presidente Donald Trump  ha firmato recentemente il decreto  per creare lo Space Command, il Comando spaziale statunitense che organizzerà e migliorerà le vaste operazioni dell’esercito nello spazio.
L’armata spaziale sarà agli ordini del Pentagono per coordinare e pianificare operazioni militari nello spazio ed il suo costo complessivo potrebbe arrivare a 800 milioni di dollari in 5 anni
 L’obiettivo è anche quello di difendere il sistema di satelliti Usa da Cina e Russia, satelliti fondamentali per la navigazione, le comunicazioni e la sorveglianza.
 Si tratta indubbiamente di una scelta politica molto importante che va verso la militarizzazione dello spazio extraatmosferico.
0

Presto la forza spaziale statunitense sarà una realtà? L’amministrazione Trump spinge fortemente in tale direzione.

 

La “Forza Spaziale” voluta fortemente da Donald Trump fa discutere.ed ancora non ha avuto l’approvazione definitiva da parte del Congresso statunitense.
Il vicepresidente Mike Pence  proprio nei giorni recenti  ha dichiarato esplicitamente che l’Amministrazione vuole che la spesa per la Difesa nel prossimo futuro includa «una misura che autorizzi l’istituzione della United States Space Force, e un Dipartimento come sesto ramo delle Forze Armate» in modo che «l’America rimanga militarmente dominante nello spazio come lo siamo qui sulla Terra».
 L’amministratore della Nasa Jim Bridestine, inoltre, ha aggiunto che la Forza Spaziale è vitale per preservare tutte le infrastrutture necessarie per l’esplorazione scientifica e migliorare la vita delle persone attraverso attività spaziali commerciali.
Potrebbe essere dunque una realtà già nel breve periodo.
0

Ormai è ufficiale: Si va verso la forza armata spaziale statunitense.

E’ da molto tempo che si parla di forza armata spaziale. Sembrava un’ipotesi peregrina di Trump, ma non si è rvelata tale.
Il Pentagono ha infatti iniziato a pianificare la creazione di una “Space Force” entro il 2020, un nuovo corpo delle forze armate separato dagli altri.
Lo ha annunciato il vicepresidente americano, Mike Pence. Sarebbe la prima volta che negli Usa nasce una nuova forza armata dal 1947, che si andrebbe ad aggiungere a Esercito, Marina, Aviazione, Marine e Guardia Costiera. Il costo dell’operazione è stimato in 8 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni.
 ”E’ un passo necessario – ha spiegato Pence – per assicurare agli Stati Uniti il dominio nello spazio mentre si intensificano la competizione e la rivalità con Cina e Russia”.
0

USA e Russia insieme per costruire una nuova stazione spaziale. L’annuncio allo IAC che si tiene ad Adelaide.

 I primi moduli potranno essere lanciati nel 2024-2026. .
Si inizierà  con la costruzione della stazione orbitante, poi, una volta che le tecnologie saranno testate, potranno essere utilizzate sulla superficie della Luna e, più tardi, su Marte .
 Anche la Cina, l’India, il Brasile e il Sudafrica potrebbero prendere parte al progetto. Le parti hanno avuto una discussione preliminare sul loro contributo al progetto. I precisi aspetti tecnologici e finanziari dei partecipanti a ‘Deep Space Gateway’ verranno discussi nella fase successiva dei negoziati, quando ufficialmente interverranno i rispettivi Governi.
0

Il progetto di Trump di creare un corpo militare spaziale per ora si impantana.

Per il momento niente forze armate spaziali.
La proposta di costruire lo Space Corp per operazioni militari cyber, lo sviluppo di un missile da crociera e lo sfruttamendo di fondi bellici per esigenze di lungo periodo al momento si arena.
Il Congresso americano ha proposto una serie di emendamenti che sarenno approfonditi dalla Casa Bianca.
Nel giugno scorso, il Comitato per le Forze armate americane aveva votato per includere gli Space Corps degli Stati Uniti nell’Atto di autorizzazione alla Difesa del 2018, cioè nel bilancio del 2018. Il nuovo servizio sarebbe amministrato dal Segretario dell’Air Force, come il Corpo dei Marines lo è dal Dipartimento della Marina, ma sarebbe un ramo separato con un seggio nel Joint Chief of Staff.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald