0

Sulla luna nel 2024: lo afferma la NASA.

Bisognerà attendere il 2’204  pe la nuova esplorazione lunare.
 Lo ha reso noto l’ammonidtratore della   Nasa Jim Bridenstine intervenendo al 35esimo Simposio spaziale in corso nel Colorado.
Secondo l’Ente spaziale statunitense  «Il prossimo uomo e la prima donna sulla Luna saranno americani»
Vi sarà  uno scenario nel quale a fare da apripista sulla Luna saranno prima di tutto le macchine, come robot specializzati nell’esplorazione spaziale.
A rendere sostenibile il ritorno dell’America sulla Luna saranno anche i partner commerciali e le partnership pubblico-privato.
0

Cane a passeggio con il padrone su Marte: è soltanto un poster della NASA.

 

La NASA  promuove moltissime iniziative di  comunicazione  di vario tipo per  mper porre in evidenz che l’esplorazione di Marte rappresenta iuna priorità per l’Ente Spaziale statunitense.
Tra gli ultimi da poco pubblicati sulle esplorazioni marziane, ce n’è uno che ha attirato l’attenzione di molti: mostra un’astronauta intenta a osservare il panorama, a proprio agio con le mani in tasca, accompagnata da un cane, protetto da una tuta spaziale appositamente pensata per lui.
Chissà se questa passeggiata avverrà e quando?
Speriamo che per quella data i padroni dei cani siano più educati!

0

Presto La NASA istituirà il direttorato ” da Luna a Marte”.

La direttiva del Governo americano è chiara. Gli astronauti americani ritorneranno entro il 2024.
Lo  ha annunciato il Vice Presidente statunitense Pence  che sovraintende alle politiche spaziali.
 ”La prima donna e il prossimo uomo sulla Luna – ha aggiunto Pence – saranno americani, lanciati da razzi americani dal suolo Usa”.
L’annuncio è stato accolto con entusiasmo dalla Nasa: “Siamo pronti per la sfida!”, ha commentato l’amministratore capo Jim Bridenstine.
Per assicurare il successo della missione, la Nasa “ha deciso di portare avanti  un piano ben definito ed allo scopo sarà istituito un direttorato dedicato che si chiamerà ‘dalla Luna a Marte’”.
0

Nasa: tre contenitori di campioni di rocce lunari stanno per essere analizzati dopo 50 anni.

La NASA ha deciso di recuperare delle rocce lunari prelevate 50 anni fa con la missione lunare Apoloo, e poi messe al sicuro, per farle analizzare.
Le rocce, rimaste sigillate per tutti questi anni, verranno consegnate a nove laboratori di ricerca che avranno l’onore di analizzarle.
Alcune analisi saranno incentrate sulla raccolta di informazioni riguardo alle cosiddette ‘capsule del tempo’, delle piccole perline in vetro che si generano a seguito delle eruzioni vulcaniche. Questi frammenti sono utili per studiare la storia della luna, in quanto sono potenzialmente in grado di svelare la sua conformazione quando era molto meno fredda.
Altri laboratori si occuperanno di indagare la presenza di acqua sul satellite della Terra, cercando di analizzare il suo ruolo nella geologia lunare. Sarà inoltre fondamentale comprendere se il metodo di conservazione adottato dagli esperti della Nasa abbia preservato le caratteristiche delle rocce.
Le informazioni raccolte dalla NASA saranno utilissime  per preparare il ritorno della NASA sulla Luna, in programma entro il 2030.
0

Siamo soli nell’universo? Un gruppo di studio istituito dalla Nasa.

La NASA ha recentemente istituito un team  un team di scienziati per rintracciare la vita aliena su altri pianeti.
Se ne interessa  il Center for Life Detection Science (CLDS) in cui gli esperti della NASA lavoreranno al fianco di persone esterne all’agenzia spaziale, specializzate in fisica, biologia e astrofisica, per rintracciare qualsiasi segno di esistenza extraterrestre.
 Esperti della NASA lavoreranno al fianco di studiosi della Georgetown University e della Georgia per approfondire gli aspetti della vita aliena.
0

Si riduce il confine tra fantascienza e realtà: presto sarà approntato un sistema di difesa spaziale contro gli asteroidi.

 

La NASA sta lavorando ad un progetto per evitare una fine simile a quella subita dai dinosauri.
Si chiama  Double Asteroid Redirection Test, o DART.
Al momento  è soltanto un prototipo, un test per verificare se una tecnologia del genere potrà salvarci da un’eventuale estinzione dovuta ad un contatto di asteroide.
E’ in particolare il test di un sistema difensivo  di una delle tecnologie dedicate ad evitare un impatto disastroso di un asteroide con la Terra.
L’impatto, che comunque avverrà solamente tra il 2022 e il 2024, avverrà ad una velocità di 3,7 miglia al secondo o 21.436 km/h.
0

Spionaggio informatico: Nasa sotto tiro da parte degli Hacker.

Non è la prima vota che vi siano episodi di pirateria informatica che riguardino la NASA,
E’ accaduto anche qualche mese fa  e per questo motivo, l’Agenzia Spaziale statunitense ha inviato una nota ai suoi dipendenti, informandoli sull’accaduto..
Si tratterebbe di casi  di violazione  dei dati personali dei dipendenti della NASA  che hanno lavorato per l’Agenzia Spaziale da luglio 2006 a ottobre 2018.
 Il furto di dati arriva in un momento particolarmente teso, in cui gli Stati Uniti d’America stanno cercando in tutti i modi di combattere lo spionaggio informatico.
0

La NASA e le società private.

Sempre con maggiore convinzione la NASA affema di volere tornare sulla Luna e con il concorso delle società private.
 I prossimi esperimenti scientifici lunari della NASA giungeranno  sulla Luna grazie a una navicella costruita da una compagnia privata.
Il programma Commercial Lunar Payload Services è  infatti una priorità dell’amministratore della NASA, Jim Bridenstine, che a maggio ha affermato che sfruttare le capacità commerciali consentirebbe un accesso più frequente e conveniente alla superficie lunare.
 L’agenzia spaziale statunitense ha elencato le aziende ritenute idonee a fare un’offerta per inviare strumenti scientifici e tecnologici sulla superficie del nostro satellite. Nell’elenco sono compresi operatori di lunga data nel settore aerospaziale, come Lockheed Martin, ma anche Astrobotic e Masten Space Systems.
0

Festa grande per la NASA: compie 60 anni.

La NASA , ormai con un nuovo Amministratore espressione come accade per tutte le Agenzie di un nuovo Governo compie oggi 60 anni.
L’agenzia governativa civile, responsabile del programma spaziale degli Stati Uniti d’America e della ricerca aerospaziale è nata il 29 luglio 1958 con il National Aeronautic and Space Act firmato dall’allora presidente Eisenhower, ma è diventata in realtà  operativa il 1° ottobre successivo, assorbendo struttura e competenze del NACA (National Advisory Committee for Aeronautics).
0

NASA: razzi, navicelle ed astronauti con messaggi pubblicitari.

La NASA aprirà le porte alla pubblicità.
Non si esclude che già nell’immediato futuro sia resa possibile la sponsorizzazione commerciale di navicelle, razzi ed astronauti.
E’ stato recentemente costituito dall’Amministratore della NASA un apposito comotato consultivo proprio  per studiare la problematica.
Se accadesse, sarebbe un radicale cambio della politica della NASA.
Infatti fino ad ora l’agenzia spaziale americana ha sempre vietato la brandizzazione dei veicoli spaziali o il coinvolgimento del personale federale in sponsor per aziende private.
Un principio sancito per evitare qualsiasi forma di influenza o di condizionamento da parte di interessi privati nelle attività dell’agenzia e rimarcato anche nella comunicazione.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald