0

La Nasa mette a punto un aereo elettrico.

Vola senza inquinare e senza far rumore.
Si tratta dell’aereo elettrico della NASA La Nasa Maxwell X-57, un aeroplano sperimentale cento per cento elettrico. che si propone di rivoluzionare il set
Il velivolo che si trova all’Armstrong Flight Research Center di Edwards, in California rimpiazza il classico motore a combustione con un propulsore elettrico che promette, sulla carta, maggiore efficienza (I costi di esercizio sono del 20 per cento rispetto agli aerei convenzionali), molto meno rumore ed emissioni allo scarico vicine allo zero.
Ad oggi infatti il traffico aereo è responsabile del due per cento delle emissioni di gas serra a livello globale, cifra che sale al tre per cento se si guarda alla sola Europa.
0

La NASA lancia il satellite ICON per lo studio della ionosfera.

Si apprende che la  Nasa ha lanciato nei giorni scorsi da Cape Canaveral, in Florida, il satellite Icon (Interface Region Imaging Spectrograph) a bordo del razzo Pegasus XL.
L’obiettivo sarà quello di studiare la ionosfera, una parte dell’atmosfera dove le radiazioni solari ma anche in piccola parte i raggi cosmici ionizzano i gas atmosferici.
L’orbita terrestre bassa è all’interno della ionosfera perciò i satelliti che vi orbitano e la Stazione Spaziale Internazionale possono essere influenzati dalla ionizzazione dei gas, anche se a quelle altitudini sono molto rarefatti.
Il satellite Icon è dotato di quattro strumenti scientifici per raccogliere misurazioni del plasma e dell’emissione luminosa chiamata luminescenza notturna. Questo permetterà di avere informazioni molto più accurate e complete su densità, composizione e struttura della ionosfera.
Nei due anni previsti di missione, con Icon sarà migliorata  la comprensione della ionosfera per predire i possibili fenomeni che disturbano le comunicazioni e di progettare satelliti che ne tengano conto.
0

Si chiama Peregrine il primo lander a toccare a posarsi sulla Luna e sarà realizzato da una società privata

.

La Nasa ha annunciato che il lander ‘Peregrine’ (Pellegrino), progettato da Astrorobotic, una società privata della Pennsylvania, ha ricevuto il via libera per raggiungere la superficie lunare.
 La missione della compagnia privata farà parte del progetto Artemis della Nasa, finalizzato a riportare gli astronauti statunitensi sulla Luna entro i prossimi cinque anni.
Il lancio del veicolo spaziale è  privo di equipaggio, è in programma nel 2021: sarà il vettore privato ‘Vulcan Centaur’ a portarlo in orbita, durante il suo primo volo.
 Il lanciatore è stato realizzato dalla United Launch Alliance, una joint venture tra Lockheed Martin e Boeing, e in futuro sostituirà i razzi Delta e Atlas.

I tecnici di Astrorobotic spiegano che il lander ha le dimensioni di un’utilitaria, può ospitare una quindicina di esperimenti ed è progettato per sopravvivere sul satellite naturale della Terra almeno per una settimana..
0

La Nasa stringe i tempi per il viaggio umano sulla Luna: sarà entro il 2024.

L’amministratore della NASA Jim Bridenstine lo ha annunciato ufficialmente qualche giorno fa.
Il Marshall space Center sarò il quartier generale del programma ed il primo viaggio lunare umano ( per entrambi i sessi) sarà entro il 2024.
0

NASA: esautorato il Direttore delle esplorazioni umame.

La notizia ha fatto molto scalpore tra gli addetti ai lavori. William Gerstenmaier, il capo di uno dei quattro grandi direttorati della NASA (esplorazione umana) è stato sollevato dall’incarico e nominato consigliere Non è stato chiarito in via ufficiale a cosa sia dovuto questo cambio di dirigenza, in quanto la NASA non ha ancora risposto alle domande dei giornalisti. Secondo le indiscrezioni la figura di Gerstenmaier, rispettabilissima all’interno della NASA, non era ben vista da enti atti a controllare l’operato della dirigenza. In particolare il NASA Inspector General (IG) e il Government Accountability Office (GAO) avevano severamente e ripetutamente riportato in documenti ufficiali l’incapacità di Gerstenmaier di espletare in maniera efficace gli incarichi a lui assegnati.
Ciò avrebbe indotto Bridenstine a questa mossa per riuscire a rimanere nei tempi e nei costi del programma Artemis.
0

La NASA non disdegna il business.

A partire dal 2020. come è stato annunciato  dal direttore finanziario dell’agenzia spaziale americana, Jeff DeWitt, la Stazione spaziale internazionale  aprirà a turisti e imprese, a pagamento.
La Nasa autorizzerà infatti  fino a due missioni brevi di astronauti privati all’anno
Il costo per ogni passeggero dovrebbe aggirarsi sui 50 milioni di dollari.
0

La NASA lancerà razzi sonda dall’Australia.

Si apprende che una piccola base di lancio in Arnhem Land, nel remoto nord desertico dell’Australia diventerà in primo sito non governativo della Nasa. L’intenzione è quella di lanciare razzi sonda nello spazio dal sito di Nhulunbuy, 700 km a est di Darwin. A tale scopo il Goddard Space Flight Centre della Nasa intende assegnare un contratto a Equatorial Launch Australia (Ela) perché fornisca servizi alla Nasa dal suo sito di lancio, per condurre investigazioni scientifiche”, come si legge nel sito web detto US Government Federal Business Opportunities.

0

125 milioni di dollari alla NASA per sviluppare missili a propulsione nucleare.

L’Agenzia Spaziale Americana prevede di sviluppare  dei sistemi di propulsione nucleari per un proprio veicolo spaziale.
Sarebbe  la prima volta che accade.
Il Governo Americano infatti ha stanziato 125 milioni di Dollari per consentire alla NASA di effettuare le ricerche necessarie per lo sviluppo di questo nuovo sistema missilistico che consente di ridurre significativamente i tempi dei viaggi durante le missioni per Marte ed oltre, dando un impulso importante alle ricerche nello spazio profondo..
Il finanziamento   rientra in un piano molto più ampio, che raggiunge quota 22,3 miliardi di Dollari, approvato recentemente dal Congresso statunitense.
0

NASA incarica 11 compagnie americane per studiare i lander lunari abitati.

 Ben 11  sono le aziende statunitensi che la NASA l ha incaricato, per l’esecuzione di studi e per la realizzazione dei prototipi di lander abitati relativi al proprio programma di esplorazione Artemis  programmato per il 2024.
Complessivamente, i fondi elargiti per finanziare questi studi ammontano a 45,5 milioni di Dollari, ed essendo NextSTEP un programma di partnership pubblico/privato, viene richiesto alle compagnie di coprire almeno il 20% del costo totale.
I vincitori, provenienti da otto stati della nazione, sono:
    • Aerojet Rocketdyne – Canoga Park, California
      Studio per un veicolo di trasferimento.
    • Blue Origin – Kent, Washington
      Studio per un elemento per la discesa, studio e prototipazione per quello di trasferimento,
    • Boeing – Houston, Texas
      Studio per l’elemento di discesa, prototipazione di due elementi di discesa, studio per il veicolo di trasferimento, prototipo per l’elemento di trasferimento, studio e prototipazione di un elemento per il rifornimento.
    • Dynetics – Huntsville, Alabama
      Studio per un elemento di discesa e prototipazione di cinque elementi di discesa,
    • Lockheed Martin – Littleon, Colorado
      Studio per un elemento di discesa, prototipazione di quattro elementi di discesa, studio per il veicolo di trasferimento, studio di un elemento per il rifornimento.
    • Masten Space Systems – Mojave, California
      Prototipazione di un elemento di discesa.
    • Northrop Grumman Innovation Systems– Dulles, Virginia
      Studio per un elemento di discesa, prototipazione di quattro elementi per la discesa, studio per un elemento per il rifornimento, prototipazione per un elemento per il rifornimento.
    • OrbitBeyond – Edison, New Jersey
      Prototipazione di due elementi per il rifornimento.
    • Sierra Nevada Corporation, Louisville, Colorado e Madison, Wisconsin
      Studio per un elemento per la discesa, prototipazione per un elemento per la discesa, studio per il veicolo di trasferimento, prototipazione per il veicolo di trasferimento, studio per l’elemento per il rifornimento.
    • SpaceX – Hawthorne, California
      Studio per l’elemento di discesa.
  •             SSL – Palo Alto, California
    Studio e prototipazione per l’elemento per il rifornimento.
0

Si chiamerà Artemis la prossima missione sulla Luna. Lo annuncia la Nasa.

Si chiamerà Artemis la prossima missione della NASA che prevede il ritorno di astronauti in carne ed ossa sulla Luna entro il 2024.
Il nome deriva da quello di Artemide, dea della luna nella mitologia greca e sorella gemella di Apollo (quest’ultimo a sua volta ha dato il nome alle missioni che hanno portato 12 astronauti americani sulla Luna tra il 1969 e il 1972).La NASA per rispettare i tempi avrebbe richiesto ulteriori finanziamenti e nello specifico 1,6 miliardi  di dollari per pagare le prime fasi di progettazione dei veicoli spaziali.
Si presume comunque che i costi saranno ben superiori.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald