0

Riunione interministeriale dell’ESA: il resoconto ufficiale.

La riunioe  dell’ESA  a livello interministeriale del 25 ottobre cm  è terminata.
Qui  di seguito il resoconto  da parte dell’ESA.
0

Partecipazione italiana alla riunione dell’ESA: un nuovo Capo Delegazione.

 

Ogni delegazione che si rispetti ha un Capo delegaziome.
 Ebbene ,come si apprende da internet Stefano Gualandris,  Consigliere economico del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio  avrebbe  rappresentato il Governo Italiano come capo delegazione alla riunione interministeriale dell’ESA.
Tutto in perfetta applicazione della legge per lo spazio7 //2018 secondo cui le strategie spaziali nazionali afferiscono al Comitato interministeriale per lo Spazio di palazzo Chigi.
Auguri di buon lavoro!
0

Previsto per il 20 ottobre la sonda europea ” Bepi Colombo”.

La sonda europea “BepiColombo” parte  verso Mercurio.
La missione è congiunta: italia e Giappone. il pianeta più vicino al Sole.
Per la prima volta una missione planetaria si avvarrà di due “orbiter” (“Bepi” dell’ESA e MMO, “Mio”, della Jaxa, dedicato allo studio della magnetosfera) che eseguiranno contemporaneamente misurazioni complementari in 3D muovendosi nello spazio intorno al pianeta.
Il decollo sarà reso possibile dal razzo Ariane 5.
Il Direttore generale dell’ESA pone in evidenza l’importanza della missione concepita da Giuseppe Colombo che  ha contribuito in modo efficace tra l’altro anche allo svuppo del settore spzìaziale italiano.
A proposito, fa qualcosa il centro di geodesia spaziale di Matera per mettere in rilielo l’importanza della missione?
0

Francia e Germania hanno la primazìa nell’Unione Europea. …,ma anche in ESA dove l’Italia è il terzo Paese finanziatore.

Si acuisce la tensione tra Italia ed Unione Europea dove Francia e Germania sono dominanti.
Non è diversa la situazione nel distinto organismo europeo dell’Agenzia Spaziale Europee dove Francia e Germania sono le vere locomotive.
E l’Italia , tezo Paese finanziatore , conta qualcosa nella struttura di comando?
Ad oggi ha soltanto un direttore , quello dell’Estec in Olanda.
Ambiva ai Programmi scientifici e non li ha ottenuti, Anche alle osservazioni della terra ed ai Lanciatori. Neanche per questi ruoli  ha conquistato il direttorato.
Ambiva anche alla Direzione generale dell’Agenzia, ma è stata preferita dai Paesi Membri  la riconferma del Direttore Generale in carica.
Quello dell’ESA è dunque un delicato problema che il Comitato interministeriale per lo Spazio presieduto a Palazzo Chigi dal sottosegretario Giorgetti dovrà afforontare nella definizione delle linee guida spaziali del Paese.
Almeno si spera!
0

Aeolus, il cacciatore dei venti, è in orbita.

 

Aeolus dell’ESA è stato lanciato.

E’ stato portato in orbita dal razzo Vega, costruito in Italia e studierà gli aspetti ambientali e climatici legati ai venti e tra  gli strumenti più all’avanguardia c’è Aladin (Atmospheric LAser Doppler INstrument):,
Si tratta di un lidar, ossia una sorta di radar che invia impulsi luminosi anziché radio e lo strumento che li trasmette, costruito negli stabilimenti della Leonardo a Campi Bisenzio e a Pomezia, è il più potente trasmettitore laser nell’ultravioletto mai costruito per un’applicazione spaziale.
Aeolus è un satellite scientifico le cui applicazioni future saranno fortemente innovative per la meteorologia

0

Pronto al decollo il satellite Aeolus.

Il  21 agosto dal Centro spaziale dell’ESA di Kourou, nella Guyana francese, il piccolo lanciatore europeo Vega porterà in orbita il satellite Aeolus dell’Agenzia Spaziale Europea.
Si tratta del  primo satellite al mondo capace di misurare i venti
E’ tecnologicamente il piu’ avanzato mai progettato finora per l’osservazione della Terra ed al tewmpo stesso  renderà la previsioni meteorologiche molto piu’ precise, fino a un intervallo di sette giorni, e probabilmente oltre.
Trasporta uno degli strumenti più sofisticati che saranno mai messi in orbita: Aladin (Atmospheric LAser Doppler INstrument), un lidar, ossia una sorta di radar che invia impulsi luminosi anziche’ radio.
Lo strumento che li trasmette, costruito negli stabilimenti della Leonardo a Campi Bisenzio e a Pomezia, e’ il piu’ potente trasmettitore laser nell’ultravioletto mai costruito per un’applicazione spaziale.
0

ESA: bando aperto a tutti per la presentazione di nuove idee.

Lo aveva già fatto nel 2017.
L’agenzia Spaziale Europea, ha  infatti recentemente riproposto un bando nel quale viene richiesta la collaborazione di esperti della comunità scientifica europea, ma anche di aziende private, università startup del settore, in grado di offrire un contributo a livello di proposte ed idee, per i futuri progetti di esplorazione spaziale che si profilano all’orizzonte.
L’intento è quello di giungere preparati alla realizzazione del progetto Deep Space Gateway, la stazione spaziale cislunare pianificata dalla NASA e da Roscosmos per essere costruita a partire dal 2020, che farà da appoggio per le missioni verso Luna e Marte con o senza equipaggio.
Molteplici sono le aree di ricerca come: Scienze della vita, Scienze fisiche, Scienza del sistema solare, Scienze della terra, Astronomia e Astrofisica, e tecnologia applicata.
 Le proposte potranno essere inviate entro il 14 settembre 2018, alcune di queste sono già state discusse a fine 2017 presso il Centro europeo di ricerca e tecnologia spaziale (ESTEC) nei Paesi Bassi.
0

Lettera di intenti tra Nasa ed ESA per prelevare campioni di rocce marziane e portarle sulla Terra.

La NASA e l’ESA  hanno firmato una lettera di intenti per realizzare  una missione finalizzata a di portare sulla Terra alcuni campioni di suolo marziano.
E’ soltanto un accordio preliminare che prevede solamente lo studio della fattibilità di una simile missione, mentre le valutazioni sulla fattibilità della missione avranno luogo il prossimo anno.
Dovrebbero essere raccolte rocce su Marte e riportate  sulla Terra grazie all’aiuto dei rover previsti per i prossimi anni.
La NASA lancerà la missione Mars 2020 e l’ESA avrà il rover ExoMars sul pianeta nel 2021.
Entrambi i rover saranno dotati di specifici apparati per la raccolta di campioni e  dunque una possibile idea potrebbe essere quella  di creare un terzo rover che raccolga i campioni lasciati da uno degli altri due (o da entrambi).
0

Occhi puntati sull’ESA: a presto la partita sul Direttore Generale.

Qualche giorno fa abbiamo già dedicato un articolo sul futuiro dell’ESA  e sui suoi rapporti con l’Unione Europea nient’affatto ben definiti.
In attesa, come abbiamo già posto in evidenza potrebbe prevalere l’ipotesi di una riconferma dell’attuale DG per altri due anni.
In alternativa potrebbe prevalere l’ipotesi di un nuovo DG a cui potrebbero concorrere, per quanto si sappia, molti italiani.( uomini e donne).
Le ambizioni sono tante, ma dovranno fare i conti con l’appoggio incondizionato del nuovo Governo non dietro l’angolo.
Più passa il tempo e sempre più consistente diventerà l’asse frano.tedesco.
0

Presto si apriranno i giochi per la Direzione Generale dell’ESA. Ma per quale ESA?

A quanto sia dato sapere, ben presto, in ESA, si procederà alla nomina del Direttore Generale che prendrà il posto dell’attuale fra un anno.
Anche l’Italia concorrerà, con molta probabilità, alla successione, non solo perchè è il terzo Paese finanziatore dell’Agenzia, ma anche perchè è in grado di presentare candidati validi ed autorevoli.
Le incognite ad oggi sono molte ed una di queste riguarda il ruolo dell’ESA nel futuro e soprattutto quali saranno i rapporti con l’Unione europea.
Non si puà escludere un depotenziamento dell’ESA voluto proprio dall’Unione Europea trainata da Francia e Germania.
La questione non è nuova perchè da anni se ne parla
Tra l’altro potrebbe essere messo in discussione il principio del giusto ritorno anche con nocumento e non poco dell’industria spaziale nazionale.
Se dovesse prevalere l’ipotesi di un maggiore ruolo dell’Unione europea nello spazio si potrebbe andare verso la soluzione di un Direttore Generale di transizione.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald