0

Sempre cielo nuvoloso e coperto che minaccia tempesta sul futuro di Piaggio Aerospace.

 

Altro che uscita dal tunnel  per Piaggio Aerospace! L’ottimismo preannunciato nel nostro precedente articolo  cede il posto  a vero pessimismo.
Ciò accade dopo l’audizione del generale Alberto Rosso, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare in commissioni riunite della Difesa, avvenuta il 12 marzo u.s.
Infatti  emergono nuovi interrogativi sul futuro dell’azienda ligure che attendeva invece lo sblocco della commessa da 250 milioni di euro per completare la certificazione dell’aereo a pilotaggio remoto P1HH (70 milioni) e per realizzare quattro “sistemi” (ogni sistema è formato da due velivoli e una stazione terrestre, valore unitario, 45 milioni).
Il drone Piaggio non sembrerebbe di interesse dell”Aeronautica Militare, proprio dal punto di vista del prodotto, perché non adatto alle esigenze del Corpo,  mentre non è ancora andata in porto l’evoluzione del p1HH, il P2HH.
D’altra parte eventuali aiuti finanziari per i droni a Piaggio Aerospace preoccuperebbero anche alcuni   parlamentari del Friuli, che in un’interrogazione parlamentare chiedono di fare chiarezza  in quanto lo spostamento di ingenti risorse su Piaggio   potrebbe apportare  conseguenze sul programma Falco48 che si realizza nello stabilimento di Ronchi dei Legionari.

Leave a Reply

Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald