0

La NASA e le società private.

Sempre con maggiore convinzione la NASA affema di volere tornare sulla Luna e con il concorso delle società private.
 I prossimi esperimenti scientifici lunari della NASA giungeranno  sulla Luna grazie a una navicella costruita da una compagnia privata.
Il programma Commercial Lunar Payload Services è  infatti una priorità dell’amministratore della NASA, Jim Bridenstine, che a maggio ha affermato che sfruttare le capacità commerciali consentirebbe un accesso più frequente e conveniente alla superficie lunare.
 L’agenzia spaziale statunitense ha elencato le aziende ritenute idonee a fare un’offerta per inviare strumenti scientifici e tecnologici sulla superficie del nostro satellite. Nell’elenco sono compresi operatori di lunga data nel settore aerospaziale, come Lockheed Martin, ma anche Astrobotic e Masten Space Systems.
0

ASI ed INAF: perchè non metterli insieme?

Nella travagliata storia trentennale dell’ASI (più di cinque commissariamenti) è la terza volta che l’ASI è affidata nelle mani di un astrofisico. Tutti hanno lavorato nell’INAF e sono stati Presidenti o Consiglieri d’amministrazione dell’istituto di astrofisica.
Più volte da questo blog abbiamo lanciato l’idea di procedere ad un’incorporazione di ASI ed INAF.
Sarebbe in fondo anche un passo in avanti verso la  razionalizzazione degli Enti che si interessano di ricerca e verso una consistente riduzione delle poltrone tanto cara al Governo giallo-verde.
Perchè non farci un pensierino?
0

Il blog di Beppe Grillo elogia la società Kayser di Livorno.

 Beppe Grillo ha deciso di dedicare uno spazio sul suo blog alle realtà realtà italiane che portano alto il  made in Italy.

Tra queste, come è specificato nel blog di Beppe Grillo,vi è la Kayser Italia, una realtà indipendente, fondata nel 1986. 

Dal 1995 è totalmente italiana e posseduta dalla famiglia dell’ingegnere Valfredo Zolesi.La Kayser ha partecipato ad oltre 60 missioni spaziali con più di 108 esperimenti scientifici eseguiti in orbita. 

Lo staff dell’azienda è costituito da circa 70 persone di altissima specializzazione con competenze in elettronica, software, fisica, ottica, meccanica, termica, biologia molecolare. La Kayser partecipa ai programmi dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) e dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea), in modo particolare nel settore delle Scienze della Vita (Biologia e Fisiologia).

0

E’ da qualche giorno operativo in ASI anche il Sub Commissario Cinque.Molte le decisioni urgenti da prendere soprattutto in materia di contenzioso del personale.

Compare sul sito ufficiale dell’ASI anche la nomina del Sub Commissario Straordinario Giovanni Cinque.
La sua esperienza concerne”attività specialistica di assistenza in favore di enti ed agenzie pubbliche, società a partecipazione pubblica totale e parziale nell’ambito delle attività ordinarie e straordinarie, stragiudiziali e contenziose, ivi incluso l’adattamento dei modelli operativi e dei processi interni all’evoluzione della normativa di settore”.
Non poco  lavoro il Sub commissario dovrà esplicare  in ASI ove molto alto da anni  è il contenzioso del personale.
Basti pensare ad esempio agli scorrimenti di graduatorie del personale ( oggetto di pesanti  critiche del personale) ed  ai concorsi espletati di cui alcuni oggetto di interrogazioni parlamentari e di  numerosi ricorsi presso la Giustizia amministrativa per rendersene conto.
0

Decisione del TAR Lazio del 4 dicembre: tifoserie in azione.

Ormai si attende il 4 dicembre pv , il giorno in cui il TAR Lazio deciderà sulla sospensiva della revoca del mandato del Presidente dell’ASI Battiston da parte del Ministro del MIUR. ( vedi decreto di revoca da noi pubblicato recentemente).
Anche in questo caso, importante per il futuro dell’ASI e più in generale del settore spaziale  si sono formate le tifoserie colorate inevitabilmente di ” politica”.
Ma in un caso o nell’altro cambierà molto? Riteniamo proprio di no.
 Per rendersene conto basta vedere i primi giorni operativi del neo Commissario dell’ASI.
0

Leonardo e Telespazio acquisiscono una partecipazione azionaria in una società canadese.

 

La Space Alliance formata da Telespazio (Leonardo 67%, Thales 33%) e Thales Alenia Space (Thales 67%, Leonardo 33%) ha  recentemente acquisito una partecipazione in NorthStar Earth and Space Inc. (NorthStar), una società di servizi di informazione, con sede a Montreal, che sta sviluppando il più avanzato sistema satellitare al mondo per il monitoraggio dell’ambiente terrestre e del near space.
Telespazio avrà un ruolo di primaria importanza nelle attività di sviluppo del business in Europa, sia per i segmenti SSA che di Osservazione della Terra, e sarà responsabile della progettazione e sviluppo della piattaforma di servizi offerti ai clienti istituzionali e commerciali.
Thales Alenia Space opererà essenzialmente nella progettazione e sviluppo dell’architettura di sistema e del segmento spaziale, incluse le piattaforme satellitari e i relativi payload.
 Insieme, Telespazio e Thales Alenia Space supporteranno Northstar nella progettazione, sviluppo, realizzazione e operatività dei sistemi e sottosistemi del segmento di terra.
0

L’Etiopia in collaborazione con la Cina lancera il suo primo satellite nel settembre prossimo.

 

L’Etiopia ha annunciato l’intenzione di lanciare il suo primo satellite a settembre 2019.
“Il satellite sarà lanciato dalla Cina mentre il controllo e la stazione di comando saranno in Etiopia” – Per quanto sia daro sapere,  la progettazione e lo sviluppo costeranno un totale di circa 8 milioni di dollari, con la Cina che parteciperà all’iniziativa con 6 milioni di dollari.
0

ESA: il programma di telecomunicazione compie 25 anni.

 

Artes (Advanced Research on Telecommunication Satellite Systems), il programma per le telecomunicazioni dell’ESA compie 25 anni.
Ha contribuito  negli anni ’90 a portare la Tv via satellite nelle case.
Dopo più di due decenni di operato è orientato attualmente  a internet veloce via satellite e alle trasmissioni incentrate sui segnali ottici, molto più veloci e sicure, in quanto difficilmente intercettabili.
E’ uun programma dove è riòlevante la partecipazione delle industrie italiane.
0

30 novembre 2018: il distretto aerospaziale della Sardegna compie 5 anni di attività.

Il 30 noveembre prossimo  a Cagliari presso la Sala Castello dell’Hotel Regina Margherita il  Distretto AeroSpaziale della Sardegna (DASS) festeggia i suoi primi  5 anni vita con un evento in programma venerdì 30 novembre pv.
In quell’occasione si terrà   una tavola rotonda .
Vi parteciperanno  il presidente del Distretto Giacomo Cao che illustrerà l’attività svolta dal DASS a partire dall’ottobre 2013, l’assessore alla Programmazione Raffaele Paci che parlerà del contributo della Regione alla crescita dell’aerospazio in Sardegna, la presidente del Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio (CTNA) Cristina Leone che farà il punto sulle possibili sinergie del DASS con altri distretti regionali e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’aerospazio Giancarlo Giorgetti (o in sua rappresentanza il consigliere in materie giuridico-economiche Stefano Gualandris).
0

Il CIRA continua ad essere all’attenzione di interrogazioni parlamentari presentate al Senato.

E’ sempre vigile l’attenzione parlamentare sul Centro italiano ricerche aerospaziali di cui è principale azionista l’ASI, dopo il commissariamento dell’ASI ed il clamore suscitato dalla relazione della Corte dei Conti sul centro di ricerca di Capua.
Ecco due interrogazioni parlamentari presentate il 27 novembre us da un senatore di Fratelli d’Italia.
int. 1  e int 2
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald