0

La legge sulle politiche spaziali in discussione alla Camera. Dopo l’Estate?

Come già fu preannunciato alcuni giorni fa, si è tenuta il 16 us  l’iniziativa della Direzione Nazionale del PD  per l’approfondimento della proposta di legge“le politiche spaziali e dell’aerospazio e disposizioni concernenti l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia Spaziale Italiana” recentemente approvata al Senato.
  I contenuti della legge sono stati illustrati oltre  dal senatore Tomaselli, relatore di maggioranza  da altri partecipanti dal Prof. Roberto Battiston, il Colonnello Paolo Puri, il presidente del CTNA Prof. Marcello Onofri, l’On. Gianluca Benamati dell’intergruppo parlamentare sullo Spazio.
 Il disegno di Legge deve passare ancora alla Camera dove potrebbe essere approvato dopo l’Estate.
Accadrà veramente?
0

Un convegno del PD sul riordino delle competenze aerospaziali al momento approvato soltanto al Senato.

Il 15 giugno pv presso la Direzione del PD si terrà un convegno sul  “Riordino delle competenze governative in materia di politiche spaziali eaerospaziali”
L’introduzione sarà a cura del Sen. Salvatore Tomaselli relatore del disegno di legge in materia recentemente approvato dal Senato.
Vi parteciperanno i protagonisti spaziali attuali tra cui Battiston Presidente dell’ASI,  il Col. Puri della cabina di regia di Palazzo Chigi e il Prof Onofri dell’Università la Sapienza di Roma..
Bisogna aspettarsi altri convegni similari anche da Forza Italia , dal momento che il disegno di legge passa per essere bipartisan.
Si ricorda comunque che il progetto di legge deve ancora essere discusso dalla Camera dei Deputati per diventare legge operativa.
0

La mobilitazione per il si al referendum

Il premier Renzi è fortemente intenzionato a giocare tutte le carte per il sostegno al referendum costituzinale.
Si susseguono le lettere di appoggio di scienziati ed accademici, tra cui il presidente dell’ASI ( ne abbiamo già dato notizia), la ricerca di testimonials della cultura, della musica e forse anche dell’allenatore dell’Italia  ( almeno così riferisce la stampa nazionale).
Ci  era sfuggita tuttavia  la notizia della manifestazione dei primi di giugno del Partito democratico trentino con la partecipazione del Ministro per le Riforme Maria Elena Boschi.
Dalla nota del PD che  fa la cronaca dell’evento si rileva che molti sono stati i partecipanti e tra questi anche  l’insegnante  Maria Prodi,  già assessore alla Regione Umbria,nipote dell’ex Presidente Prodi e moglie del Presidente dell’ASI.
0

Partito democratico: Astrosamantha non sei sola.

Il partito democratico è a convegno ad Udine il 3 e il 4 ottobre  ad Udine sul tema “più valore al capitale umano, università, ricerca e alta formazione, Motori di sviluppo.”
Una delle sessioni si intitola proprio Astrosamantha non sei sola.
Vi partecipano professori e ricercatori.nazionali
Chiude i lavori il Ministro del MIUR.

0

Le fonderie delle idee del PD

Anche se sono passati ormai alcuni mesi, si ritiene opportuno proporre ai lettori questo video  sempre attuale incentrato su ” fonderie delle idee del Partito democratico” svolto nel settembre 2014 presso la città della scienza e dedicato all’intervento del Presidente dell’ASI. ( lo troviamo particolarmente interessante)
E senza dubbio’ un documento importante che testimonia anzitutto l’interesse del PD alle tecnologie spaziali.
0

Il ruolo delle attività spaziali per il Partito democratico

Come abbiamo anticipato si è tenuta oggi a Roma la II conferenza nazionale sulle attività spaziali.
Nulla nuovo  è emerso rispetto ai temi cari al PD come quelli della strategia europea  che deve incentrare la massima attenzione su Galileo, GMES e Telecomunicazioni.
Si è lamentata l’assenza di un tavolo di coordinamento e regia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per la preparazione degli eventi così prossimi può limitare la nostra capacità di negoziazione sul tavolo europeo.
Si è ribadita altresì la necessità di  istituire un organismo responsabile delle attività spaziali sotto la Presidenza del Consiglio che svolga funzioni di indirizzo e coordinamento tra i ministeri Mise, Miur, Difesa, Interni, Ambiente, Agricoltura ecc.
E’ stata  infine dedicata  attenzione alla grave situazione dell’ASI.
L’agenzia dovrebbe assumere il ruolo  di agenzia tecnica che applicherebbe le direttive governative per la ricerca spaziale lasciando ad altri il resto della filiera (industria e servizi)”.
I criteri di nomina del nuovo gruppo dirigente dell’ASI devono infine ispirarsi alla massima trasparenza nella gestione, al non accentramento degli incarichi e a evitare qualsiasi potenziale conflitto d’interessi.
Candidature alla Presidenza dell’ASI non si sarebbero palesate ufficilamente, anche a tutti sono noti i candidati di osservanza PD su cui sarà necessaria anzitutto un’unanimità da parte di tutte le componenti del Partito
0

Il Partito democratico vigila sul settore spaziale e sulla Presidenza dell’ASI

A metà del mese in corso secondo le intenzioni del Ministro Giannini sarà nota la cinquina di candidati alla Presidenza dell’ASI.
E propio il 15 aprile il PD organizza la II conferenza sulle attività spaziali con la solita sfilata dei rappresentanti politici del PD, con la partecipazione del Commissario straordinario dell’ASI e degli esponenti dell’industria con Finmeccanica in testa, le piccole e medie imprese,esperti del settore, docenti e ricercatori
L’incontro sarà introdotto e chiso dal responsabile economico del partito Filippo Taddei.
Sembrerebbe non essere un incontro casuale, anche perchè a quanto sia dato sapere due della cinquina farebbero parte del PD.
Insomma una competizione in casa.
Chissà quale dei due prevarrà.
0

L’attenzione del Partito democratico ai problemi spaziali.

All’indomani delle notizie sull’inchiesta giudiziari sull’ASI e delle dimissioni del suo Presidente, il Partito democratico, da sempre attento alle questioni spaziali soprattutto di carattere industriale, si vece vivo chiedendo al Ministro  del MIUR lìimmediata nomina di un Commissario per l’ASI e l’avvio della procedura di nomina del Presidente.
In questi giorni il Partito democratico si fa vivo nuovamente con il Governo e con il Commissario dell’ASI chiedendo loro di prendere decisioni urgenti affinche la filiera spaziale non sia lasciata a se stessa e vengano salvaguardate e incentivate le competenze di ricerca, sviluppo e produzione di servizi.
Si invita a fare pulizia senza senza bloccare le attività, provvedendo ad eliminare conflitti di  interesse e procedendo ad un profondo rinnovamento della struttura dell’ASI e delle modalità gestional
Insomma il Partito di maggioranza relativa appare preoccupato di una situazione che possa provocare la paralisi delle attività
Inciderà il Partito democratico sulla nomina del Presidente dell’ASI?
Non crediamo affatto  perchè le decisioni del comitato di selezione dovrebbero essere indipendenti ed autonome.
Una cosa è certa tuttavia, stando alla storia minore che ha sempre la sua importanza che, stando alle nostre informazioni, si stanno posizionando ai nastri di partenza per la nomina a Presidente  anche molti candidati che si riconoscono politicamente nel Partito democratico.
Ma questa è una coincidenza del tutto non rilevante.
L’importante è che siano autorevoli e dotati di indiscussa rettitudine
0

Il comunicato ufficiale del Partito democratico sulla vicenda giudiziaria dell’ASI

Avevamo anticipato in via informale il comunicato del Partito Democratico sulla vicenda giudiziaria dell’ASI. Ne pubblichiamo oggi il testo definitivo emanato dalle sedi competenti del Partito in cui grande è la preoccupazione per la situazione.
Il rimedio immediato non puo che essere  il Commissariamento per superare le gravissime difficoltà dell’ASI
0

La posizione del Partito democratico sulla bufera dell’ASI

Continuano le reazioni politiche sulla vicenda giudiziaria dell’ASI
Alle posizione di SEL, e del Movimento Cinque stelle di cui abbiamo già dato ampia notizia, si aggiunge l’importante comunicato stampa del PD che qui di seguito pubblichiamo integralmente, da cui si evince la grande preoccupazione per la vicenda giudiziaria dell’ASI.
Si chiede a viva voce un impegno per azioni di moralizzazione che passino anzitutto per il commissariamento dell’Ente,
Dipartimento Economia
Comunicato
Le dimissioni del presidente dell’ASI
Un’opportunità per il riordino delle politiche spaziali Italiane
Il Partito Democratico, a seguito dell’iscrizione nel registro degli indagati del Presidente dell’ASI
Enrico Saggese e di sei altre persone, ritiene doveroso portare avanti una azione di sollecitazione
sul Governo affinché sia fatta luce al più presto su questi incresciosi episodi. Il settore aerospaziale
in Italia, che da sempre si presenta come un fiore all’occhiello del nostro Paese, non può essere
mortificato dalle vicende rimbalzate alla cronaca di questi giorni.
I recenti gravissimi eventi che hanno coinvolto la Presidenza dell’Agenzia Spaziale Italiana avvengono in un momento particolarmente delicato per il futuro delle attività delle industrie e della ricerca scientifica del settore.
Tenendo conto dell’ampiezza delle contestazioni mosse dalla magistratura, che investono ampi settori del comparto, il Partito Democratico chiede fermamente al Governo di impegnarsi per una seria azione di moralizzazione, che passi per un immediato commissariamento dell’Ente. Al commissario il compito, oltre di fare la necessaria chiarezza su quanto avvenuto, di intraprendere tutte le azioni utili per mettere l’Agenzia Spaziale Italiana nelle condizioni di funzionare al meglio.
Nei prossimi mesi ci attendono importanti sfide, dal semestre di Presidenza italiana dell’Unione
alla Conferenza Ministeriale dell’ESA di dicembre prossimo. Nel semestre di Presidenza Italiana un
corretto funzionamento dell’ASI potrà dare un importante supporto nel confronto in Commissione
Europea per la politica spaziale italiana e europea. La Conferenza Ministeriale ESA, con l’intervento di tutti i Ministri Europei della Ricerca detterà programmi, tempi ed ruoli che nei prossimi anni spetteranno agli enti delle varie nazioni Europee. Qui si prenderanno importanti decisioni che avranno un impatto su migliaia di lavoratori del settore e sul futuro della filiera aerospaziale nazionale.
Il Partito Democratico chiede con forza al Presidente del Consiglio Enrico Letta e al Ministro del
MIUR Maria Chiara Carrozza di ridare dignità e credibilità ad una compagine di lavoratori qualificati, dignità e credibilità al nostro Paese nei consessi internazionali, dignità e credibilità a tecnostrutture pubbliche a supporto del governo e della pubblica amministrazione. Il settore aerospaziale è rimasto per troppo tempo nelle mani della Destra di questo paese ottenendo come abbiamo visto un risultato drammatico, tangibile e purtroppo sotto gli occhi di tutti, stampa estera compresa.
Il Partito Democratico da tempo ha presentato proposte per una nuova struttura di Governo delle
attività spaziali Italiane. Le gravi vicende di questi giorni possono in questa ottica essere l’occasione
per una coraggiosa spinta innovativa per il futuro del settore, con l’avvio di un processo virtuoso che
punti a profondi cambiamenti. Il riordino del settore deve essere iscritto in una più ampia politica
della ricerca e industriale.
Il Partito Democratico convocherà a breve un dibattito pubblico sulla situazione dell’intero settore
e del ruolo che al suo interno deve giocare l’ASI. Intende ribadire con forza la necessità di un
assunzione di una maggiore attenzione verso le politiche spaziali. Farà proposte per risollevare le
sorti dell’agenzia e dell’intero settore e per definire linee strategiche di intervento finalizzate a ridare
ossigeno e spinta alle attività aerospaziali italiane.
Un corretto posizionamento e funzionamento dell’ASI è fondamentale per il futuro delle attività
spaziali nazionali. Le sue funzioni non sono solo quelle di un ente di Ricerca ma soprattutto di
un’Agenzia in grado di coordinare e difendere gli interessi nazionali nel contesto dello sviluppo
Europeo del settore.
Il Partito Democratico ritiene che le iniziative con cui a breve il Governo interverrà saranno un banco di prova e verifica di come esso intende agire nel settore spaziale.
Nota tecnica
Le attività spaziali Italiane hanno segnato in questi ultimi anni, un livello di altissima qualità
tecnologica e portato la nostra industria alla leadership di programmi internazionali di grande
successo.
Le tecnologie innovative introdotte dalle nostre industrie nei programmi dei lanciatori spaziali con
i due voli inaugurali di Vega, nella realizzazione delle sofisticate tecnologie radar per l’Osservazione
della terra attraverso il sistema CosmoSkyMed, la ormai prossima missione IXV che testerà nuove
tecnologie per i moderni veicoli di rientro atmosferico, ma anche il contributo al successo delle
missioni scientifiche di esplorazione interplanetaria e dell’universo, ed il supporto tecnologico e dei
nostri astronauti fornito alla Stazione Spaziale Internazionale sono solo i più noti risultati dell’attività di eccellenza dell’Italia Spaziale.
Roma 10 febbraio 2014
Copyright © 2017 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald