0

Il Governatore Generale dell’Australia visita l’INAF.

Si apprende che il Governatore Generale e Lady Cosgrove, insieme all’Ambasciatore australiano in Italia, il Dr Greg French, hanno incontrato il Presidente dell’Inaf, il Professor Nichi D’Amico, e il suo staff,
E’ stato spiegato il ruolo dell’Inaf e sono stati  evidenziato gli stretti legami tra gli astrofisici dei due Paesi che lavorano insieme su sfide globali per sviluppare infrastrutture di ricerca di livello mondiale. Uno dei progetti comuni è lo Square Kilometre Array, il più grande radiotelescopio al mondo il cui array a bassa frequenza sarà dislocato nell’Australia occidentale, dove l’Inaf intende concentrare una parte consistente del proprio coinvolgimento nel progetto.
0

In Campania si realizza lo strumento scientifico MicroMed. Un finanziamento della Regione.

0

E’ bello guardare le stelle, ma non da precari.

 

L’Inaf, comè è riconosciuto da tutti, è un fiore all’occhiello della ricerca scientifica italiana
 Nel 2016 la rivista Nature l’ha posizionato al secondo posto nel mondo tra le 100 migliori istituzioni per le collaborazioni internazionali.
La Nasa era al sesto posto, l’Iit di Genova al quarantaduesimo.
E tutto ciò, malgrado il 40 per cento dei ricercatori sia precario (382 contro 581 a tempo indeterminato) e abbiano in media più di 40 anni. Per aggiungere incertezza alla precarietà, la quasi totalità di loro è vincolata all’approvazione dei progetti, che vengono finanziati dopo essere stati selezionati da apposite commissioni.
I lavoratori dell’Inaf si trovano quindi in un grave stato di precarietà e di disagio e manifestano contro i dirigenti.
Si risolverà presto questo stato di turbolenza nella ricerca astrofisica?
0

Non solo l’ASI, ma anche l’INAF si dota di supporti psicologici.

Si ha notizia dell’approvazione da parte dell’INAF   della “Convenzione con il “Dipartimento di Psicologia” della “Seconda Università degli Studi di Napoli per la “indagine sul livello del benessere lavorativo” dei dipendenti dello “Istituto Nazionale di Astrofisica. (verbale CDA dell’INAF)
Sembra esservi  comunque una differenza procedurale: l’ASI sceglie la strada di una consulenza ad un esperto/a, mentre l’INAF si rivolge ad una università con cui stipula una convenzione.
0

Il nuovo Osservatorio Astronomico di Teramo.

Alcuni giorni fa è stato inaugurato alla presenza della Ministra per l’Istruzione l’Università e la Ricerca, Valeria Fedeli, l’Osservatorio Astronomico d’Abruzzo, che unifica le due strutture dell’Inaf già presenti sul territorio abruzzese: l’Osservatorio di Teramo e la Stazione Osservativa di Campo Imperatore.
Si consolida la vocazione scientifica dell’Abruzzo  che  ospita importanti enti di ricerca come i Laboratori Nazionali del Gran Sasso e il Gran Sasso Science Institute.
0

Anche il Presidente dell’INAF avrà presto il suo portavoce.

Al pari di quanto accada in ASI, ben presto  sarà nominato il portavoce del Presidente dell’INAF.
E’ stato deciso dal CDA dell’Ente in questi giorni.
La scelta sarà effettuata su base fiduciaria.
0

C’è di mezzo una foresteria.

.

Come è ampiamente riportato dalla rassegna stampa dell’ASI del 6 febbraio 2017, la Procura della Corte dei Conti avrebbe chiesto al  Presidemte dell’INAF  dalla fine del 2011 al 2015 ed al Direttore generale di risarcire un danno pari a 50000 euro per avere usufruito per lungo periodo di una foresteria dell’INAF riservata ad ospitare scienziati  dell’inaf a Roma per ragioni di studio e lavoro a Roma.
Una bella gatta da pelare!
Ne seguiremo gli sviluppi.
0

INAF: 10 e lode per la trasparenza!

Sarà un’eccezione, ma va riconosciutà!
L’INAF si distingue per la trasparenza. Infatti sul suo sito internet compaiono regolarmente i verbali deelle riunioni del consiglio d’amministrazione dell’Istituto, nonchè le deliberazioni assunte.
Viene così rispettato il diritto del cittadino interessato  a conoscere le decisionio dell’Ente.
Molto meno trasparente sembra essere la situazione del sito dell’ASI dove non vengono pubblicati i verbali dei consigli d’amministrazione.
Come mai non vengono pretesi dai sindacati?
0

INAF: secondo al mondo per collaborazioni scientifiche.

Un vero risultato d’avanguardia per l’Istituto Nazionale di Astrofisica.
Come è attestato dalla prestigiosa rivista scientifica Nature è dietro soltanto al CNRS per produzione scientifica e collaboraxioni ed è anche davanti al CERN,
Un vero orgoglio per l’Italia!

0

Il quartiere generale del Cherenkov Telescope Array in Italia: un successo per l’INAF.

E’ ufficiale!
Sarà a  Bologna il quartier generale del CTA (Cherenkov Telescope Array), l’ambiziosa infrastruttura di oltre cento telescopi da installare in Cile e alle Canarie che, una volta realizzata, sarà il più potente e sensibile osservatorio per i raggi gamma di origine cosmica mai costruito.
 . Il progetto, promosso da un consorzio di istituzioni scientifiche appartenenti a più di 30 nazioni e che vede coinvolti più di mille ricercatori in tutto il mondo, è stato raccomandato nella Roadmap Europea dell’ESFRI (European Strategic Forum for Research Infrastructures) come una infrastruttura di ricerca di primaria importanza.
Si tratta  diun nuovo eccezionale strumento che permetterà di studiare la radiazione di altissima energia proveniente dall’Universo, aprendo di fatto una nuova era dell’astrofisica e della fisica fondamentale.
Un vero successo dunque per l’Italia e l’INAF.
Copyright © 2018 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald