0

La strategia spaziale europea approda nella X commissione parlamentare della Camera dei Deputati.

Il 14 la Commissione attività produttive della Camera ha fissato l’audizione dell’agenzia spaziale nell’ambito dell’esame della comunicazione sulla strategia spaziale europea.
Le solite audizioni!
0

Il Whistleblowing va al Senato.

Chi denuncia la corruzione o illeciti compiuti dai colleghi, sia nel pubblico sia nel privato, avrà una tutela ad hoc, anche se per la sua denuncia non avrà diritto a un premio: lo prevede la pdl sul “whistleblowing” approvata dall’Aula della Camera con 281 sì, 71 no e 18 astenuti e che ora passa al Senato.
Il provvedimento approvato celermente alla Camera va ora al Senato per la definitiva approvazione.
Si ricorda che il provvedimento è stato ispirato da un caso dell’agenzia spaziale su cui il relatore Businarolo aveva presentato una dettagliata interrogazione parlamentare.
0

Infuriano le polemiche slle piattaforme di Porto Torres per i test sui razzi Vega.

Si parla di allarme sui rischi ambientali per la salute.
Se ne interessano ampiamente organi di stampa nazionali.
Sull’argomento è stata presentata un’interrogazione alla Camera dei deputati
Secondo l’interrogante Michele Piras di SEL: “I test in questione sono pericolosi per un territorio già degradato, non certo da considerare un’area perduta e irrecuperabile, destinata a ospitare attività pericolose e inquinanti che non possono essere svolte altrove”.
Sulla complessa questione ne sono coinvolti peraltro Avio Spazio, Università di Cagliari e Cira mediante il distretto aerospaziale sardo.
0

Le risoluzioni sullo spazio

Si portano all’attenzione dei lettori le risoluzioni sullo spazio  ( partito democratico e movimento cinque stelle) approvate alla Camera dei deputati  dalle Commissioni cultura ed in industria sulle attività spaziali e sull’ASI.
Per quello che valgono!

0

Risoluzione sullo spazio del Movimento Cique Stelle: un Ente ad Hoc per la ricerca spaziale in cui si incorpori l’INAF.

Il Movimento cinque stelle ha presentato alla Camera dei deputarti un’importante risoluzione sulle attività spaziali.

Nel testo si affrontano le varie problematiche sollevate anche nel corso della recente audizione del Presidente dell’ASI e si chiede l’impegno del Governo
ad intervenire nelle sedi opportune al fine di razionalizzare l’uso delle risorse per le priorità e gli obiettivi nazionali, attuando una politica di settore che tenga conto dei molti e diversi ambiti coinvolti e che valorizzi «la forte componente industriale e l’ottima componente scientifica» presenti nel nostro Paese;
ad assegnare alla cabina di regia presso la Presidenza del Consiglio un ruolo di coordinamento nella definizione dei piani strategici e nell’attribuzione dei finanziamenti;
ad intervenire affinché i finanziamenti siano ben distinti tra quelli dedicati alla ricerca e allo sviluppo e quelli dedicati agli aspetti produttivi dello sviluppo economico;
a valutare la necessità che, per quanto riguarda finanziamenti destinati alla ricerca, la loro gestione sia assicurata da un ente ad hoc sotto la vigilanza del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca in cui si incorporino sia l’INAF, sia altre competenze spaziali provenienti da altri centri di ricerca e che, per quanto riguarda i finanziamenti dedicati allo sviluppo, la loro gestione sia assegnata al Ministero dello sviluppo economico;
a valutare adeguatamente il finanziamento dei programmi ESA, riguardo alla sostenibilità economico-finanziaria delle priorità strategiche nazionali ed internazionali, attesi i vincoli di bilancio, anche pluriennali;
ad assicurare, anche con il coinvolgimento delle Commissioni parlamentari competenti, adeguati controlli annuali sia sulla distribuzione delle risorse sia sui risultati conseguiti;
a definire, anche ai fini dell’assegnazione delle risorse, criteri improntati sulla trasparenza e sul rispetto di definite priorità relative a temi di forte impatto globale quali il cambiamento climatico, la gestione dei disastri, la gestione del traffico dello spazio, la gestione dei potenziali problemi legati alla cosiddetta spazzatura spaziale, in un’ottica di cooperazione internazionale per l’uso a fini pacifici dello spazio extra atmosferico.

Si tratta quindi di valutare se sia il caso di procedere alla nomina del Presidente dell’INA prima del riordino spaziale

Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald