0

Anselmino direttore dell’Agenzia Industria Difesa.

Si apprende che la Presidenza del Consiglio dei ministri, con lettere in data 15 gennaio 2020, ha trasmesso al senato l’informazione del conferimento all’ingegner Gian Carlo Anselmino dell’incarico di Direttore generale dell’Agenzia industrie difesa.
Si tratta di una riconferma. Infatti è Direttore dell’Agenzia dal 2014.
Giancarlo Anselmino, come si evince dal suo curriculum pubblicato su internet è laureato in Ingegneria meccanica ed è provienente dal Gruppo Finmeccanica.

0

In commissione istruzione e cultura del Senato la conversione in decreto legge per l’istituzione del Ministero dell’istruzione e del Ministero dell’università e della ricerca.

La Commissione del Senato ha continuato il 28 gennaio 2030 l’esame del decreto del 9 gennaio 2020, n. 1, recante disposizioni urgenti per l’istituzione del Ministero dell’istruzione e del Ministero dell’università e della ricerca.
Sono stati presentati in particolare ben 19 emendamenti (formali e sostanziali) su cui è stata avviata la discussione. (Vedi sito internet del Senato).
Eventuali inammissibilità saranno giudicate in una fase dibattimentale successiva.
Dopo aver convenuto di non procedere ad alcun ciclo di audizioni, l’esane del decretto è stato rinviato ad una data successiva.

0

Ritorna a funzionare il cacciatore di antimateria AMS.

Si è riacceso il cacciatore di antimateria Ams, il gigantesco strumento installato dal 2011 all’esterno della Stazione Spaziale.
Ciò è accaduto grazie al lavoro compiuto dall’astronauta Luca Parmitano nelle quattro acrobatiche passeggiate spaziali della sua missione, Beyond.
Il rivelatore continuerà così a studiare i raggi cosmici fino al 2028, per intercettare eventuali tracce dell’antimateria e della misteriosa materia oscura che costituirebbe il 25% dell’universo e che nessuno finora ha mai visto.

0

Direzione Generale dell’ESA: partecipa l’Italia all’agone?

Si ricorda che l’attuale direttore generale dell’ESA Jan Wörner terminerà il mandato nell’estate del 2021 e quindi la nomina del successore da parte del consiglio dell’ESA dovrà essere ufficializzata alla fine di quest’anno.
Proprio recentemente e cioè il 26 gennaio 2020 abbiamo dato la notizia della candidatura del Ministro dell’economia del granducato del Lussemburgo Étienne Schneider alla direzione generale dell’ESA.
Pertanto la gara alla successione è ormai avviata.
Si è sempre parlato in Italia di ambizioni italiane al vertice spaziale europeo. In fondo l’Italia non à l’ultima arrivata, essendo il terzo paese pagatore in ESA:
Ebbene se queste ambizioni fossero confermate, l’Italia e cioè il Governo ed in particolare il Comint dovrebbero mettere a punto ina solida strategia politica e diplomatica orientata a concretizzare la nomina di un nostro connazionale.
Ma con quale candidato? Bisogna mettersi al lavoro sin da ora per la sua indentificazione.
Dovrebbe essere un nome forte con poliedriche competenze spaziali, internazionali e manageriali.
Il candidato su cui l’Italia si orienerà dovra cimentarsi in una battaglia aspra ed accidentata, e non è in caso , a nostro giudio, che già sia entrato in campo un candidato lussemburghese che avrà molto probabilmente l’appoggio dei Paesi minori e della Freancia.
Tutto dunque in chiave anti italiana?

0

Fumata bianca al Consiglio dei Ministri per i direttori delle Agenzioe fiscali, ma con scambio di poltrone.

Archiviate le elezioni, il governo giallorosso procede subito alle annunziate nomine dei direttori delle Agenzie fiscali. Lo fa nel Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 2020.
I nomi su cui era stato trovato l’accordo sono gli stessi, ma con uno scambui di poltrona.
Infatti Minenna va alle Dogane e Agostini al Demanio,
Alle agenzie delle entrate va invece Ernesto Maria Ruffini che vi ritorna dopo l’esperienza con i governi Renzi e Gentiloni.

0

Il mandato del Direttore Generale dell’ESA Jan Wörner finirà nell’estate del 2021 e già inizia la corsa alla successione.

L’annuncio lo dà il giornale “Le Quotidien” lussemburghese di qualche giorno fa che riferisce sulle serie intenzioni di Étienne Schneider di candidarsi alla direzione generale dell’ESA.
Lo fa anzitempo dimettendosi da Ministro dell’Economia in Lussemburgo.
Come pongono in evidenza i media lussemburghesi, Schneider dovrebbe anche promuovere al vertice dell’ESA una radicale riforma dell’agenzia spaziale europea.

0

Missioni di lunga durata nello spazio: nasce il progetto Rebus.

Si tratta del progetto Rebus, sostenuto e finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana. Parteciperanno Enea, Cnr, l’Istituto Superiore della Sanità ISS, Thales Alenia Space, Kayser Italia e Telespazio. Vi partecipano anche le Università degli studi di Tor Vergata, di Pavia e Federico II di Napoli (capofila).
L’obiettivo del progetto, che ha una durata triennale,è quello di garantire una permanenza nello spazio a lungo periodo con la realizzazione di sistemi biorigenerativi utili a supportare la difficile vita degli astronauti lontani dall’habitat della Terra.

0

Elezioni regionali: la Lega perde il test elettorale in Emilia-Romagna e il movimento Cinqe Stelle si dissolve.Il Comint ovvero la cabina di regia spaziale potrebbe risentirne e non poco.

Dalle urne elettorali nelle recentissime elezioni regionali è uscito un Partito democratico vittorioso ed una Lega sconfitta ed anche in modo netto in Emilia Romagna.
Il dato,a nostro avviso, che tuttavia potrebbe incidere maggiormente sulla tenuta del Governo è la caduta verticale del Movimento Cinque Stelle che si trova ad essere primo partito in Parlamento, quando nel Paese si sta dissolvendo vistosamente in termini numerici
Ebbene, a nostro giudizio, il Governo ne risentirà anche a breve scadenza.
E così anche nel settore spaziale a cui il Partito democratico, ha annesso sempre molta importanza .
Insomma al Comint terrà la leadership pentastellata o si ammainerà anche in quel settore strategico?

0

Impasse per Agostini alle Dogane? Gerardo Capozza segretario generale dell’Università e Ricerca?

Nell’ultimo Consiglio dei Ministri non si è proceduto, come è noto, alla nomina dei Vertici alle Agenzie Fiscali.
Molto , almeno sembra, avrebbe inciso la delicata situazione connessa alle elezioni regionali, nonché a manovre politiche riportate abcge dal giornale ” La Verità “del 25 /01/2020 che al riguardo pone in evidenza ” Le trame di D’Alema fanno rinviare le nomine” e nel sottotitolo “Tensioni per Agostini (vicino all’ex DS) vicino all’Agenzia delle Dogane. Di fronte all’impasse , il Premier sposta tutto a dopo le elezioni”

Vi sono comunque altre nomine incombenti, cioè quelle connesse al settore Istruzione.
Secondo TuttoScuola:
” al Dipartimento per l’Istruzione e Formazione andrà Max Bruschi, al dipartimento della Programmazione, Risorse umane e finanziarie Giovanna Boda, al Segretario dell’Università e Ricerca Gerardo Capozza “.
Quest’ultimo ha svolto l’incarico di funzioni vicarie di responsabile dell’ufficio del Cerimoniale di Stato della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Ora al ministero dell’Istruzione gli organigrammi sarebbero quasi completi, in quanto tutti gli attuali direttori preposti alle direzioni generali sarebbero stati confermati in via transitoria in attesa del nuovo regolamento che dovrà definire gli assetti del nuovo ministero, conseguente allo spacchettamento del Miur.”

0

Consiglio dei Ministri: fumata nera per le nomine alle Agenzie Fiscali.

Era dato per certo che il consiglio dei Ministri del 23 gennaio 2020 dessre segnale verde alle nomine per le Agenzie fiscali. ( vedi sito del Governo)
Non erano all’ordine del giorno, ma erano attese “fuori sacco” le nomine di Ernesto Maria Ruffini (Entrate), Antonio Agostini (Demanio), Marcello Minenna (Dogane).
I nomi erano dati per concordati dalla maggioranza.
Per la cronaca l’intesa vi era stata prima dell’abbandono di Di Maio da Capo politico del Movimento Cinque Stelle.
Il tutto sarebbe rinviato a Lunedì prossimo ovvero all’indomani dell’esito regionale elettorale.
Sorprese? Inceppi negli ingranaggi?
Non sarebbe la prima volta.

Copyright © 2020 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald