0

L’IRAN fa marcia indietro e rinuncia agli astronauti.

Il Governo iraniano abbandona il progetto spaziale con gli astronauti.
L’annincio è stato improvviso e motivato dagli eccessivi costi del programma umano che avrebbe comportato un impegno finanziario da 15 a 20 billioni di dollari per più di 15 anni.
La marcia indietro non significa comunque una rinuncia totale alle ambizioni spaziali.
0

Inizia l’era degli aerei elettrici con un prototipo già a partire dal 2018.

 

Nel 2018 potrebbe diventare realtà un aereo elettrico  con le caratteristiche di un piccolo jet privato, con la possibilità di trasportare da sei a nove passeggeri più i due membri dell’equipaggi.
E’ stato presentato a Le bourget  ed è il nuovo prototipo di aereo elettrico della Eviation Aircraft, società che fa parte del programma di mobilità on-demand della NASA, promette grandi cose in tempi brevi.
Sorprendeper la durata della batteria, che permette di coprire 600 miglia (965 km) grazie ad un particolare sistema studiato dall’azienda insieme alla società Phinergy.Consisterebbe in nuovo accumulatore alluminio-aria, capace di garantire una densità energetica elevatissima. In aggiunta avrebbe batteria al litio di supporto da 980 kWh.
0

Il flusso dei migranti: l’uso delle tecnologie satellitari.

Il crescente e drammatico flusso migratorio dalle coste libiche verso l’Italia fa tremare il Governo Gentiloni e costringe il Ministro degli Interni a invertire la rotta in USA e fare ritorno in Italia per gestire la situazione dei migranti diventata ormai insostenibile.
Più volte ci siamo chiesti se sono serviti al monitoraggio delle coste i satelliti ed in particolare Cosmo  Skymed.
Se ne preoccupa anche un giornale italiano in USA che sul drammatico argomento rileva:
Inutili, almeno stando ai risultati, anche gli strumenti in dotazione alla Marina Italiana per individuare in tempo proprio questi barconi (qualche anno fa, l’allora capo del governo Letta confermò l’acquisto da Israele di alcuni satelliti spia i Cosmo SkyMed e due fantascientifici jet Gulfstream Caew, vere centrali di spionaggio volanti, che, si disse, sarebbero dovuti servire anche per la sorveglianza del Mediterraneo).   
Considerazioni importanti di cui bisogna tenere conto di cui dovrebbero interessarsi i ministeri competenti del nostro Governo.
0

Processo d’appello a Bossetti: una fotografia satellitare presentata dagli avvocati difensori.

 

Il pool difensivo di Massimo Bossetti condannato all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio porterà nel processo d’appello, secondo quanto si apprende dalla stampa nazionale,  un’immagine satellitare che scagionerebbe l’imputato.
L’immagine satellitare porrebbe in evidenza che il luogo in cui sarebbe stata uccisa la vittima, sarebbe stata diverso da quello in cui sarebbe stato ritrovato.
Insomma la condanna di Bossettti è appesa ad un filo  quella……. del satellite.
0

Si fa guerra nel Casertano alla criminalità organizzata anche con il supporto del CIRA che guarda dall’alto.

Si ha notizia che in data 27 giugni 2017 ha sottoscritto con molteplici Enti un un protocollo d’intesa con l’obiettivo  di potenziare l’azione di contrasto ai crimini ambientali, attraverso l’emersione del fenomeno, la cui repressione è facilitata dall’acquisizione di un adeguato bagaglio informativo.
Tra i firmatari  è presente il CIRA ( non è nuovo a questi accordi come emerge da nostri precedenti articoli) che  nell’ambito delle attività istituzionali di osservazione della Terra, provvedere a segnalare alla polizia giudiziaria ogni utile notizia circa la presenza di elementi turbativi dell’ecosistema, riscontrati tramite l’osservazione dall’alto.
0

L’era Profumo in Leonardo: modifiche organizzative e managers in rosa.

E’ incominciata la nuova era Profumo in Leonardo-Finmeccanica, mettendo mano all’organizzazione  del precedente amministratore.
Sono state al momento cancellati i settori  che stanno attualmente sopra le divisioni-
Inoltre  due donne sono  una bocconiana ed una laureata in fisica teorica sono promosse manager acquisendo incarichi di prestigio.
0

Un satellite della Difesa russa in orbita.

Si apprende dell’avvenuto lancio con successo  dal cosmodromo di Plesetsk del nuovo satellite del ministero della Difesa russo Kosmos-2519.
Secondo le ultime notizie diramate dal Ministero della Difesa russo, il satellite riprenderà  anche le immagini degli oggetti spaziali.
0

Il 1 luglio a Lucca: musica e scienza tutte ispirate allo spazio.

A Luglio iniziano le vacanze e i viaggi.
Quale migliore meta di Lucca e le sue ville!
E se lo fate il 1 luglio  potete anche deliziarvi  con il quarto anniversario dell’inaugurazione del Complesso Conventuale di San Francesco con la serata “Dalla terra alle stelle”, un concerto e una conversazione nel ricordo di un’altra ricorrenza, i quarant’anni dalla missione della sonda Voyager.
Sarà una serata tutta dedicata alle stelle, tra il fascino della scienza e la magia della musica, che vedrà protagonisti il compositore premio Oscar Dario Marianelli (nella foto sopra il titolo),  ideatore di un intero concerto ispirato alla missione del Voyager, e Roberto Battiston, presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana.
0

Future missioni sugli asteroidi : accordo tra ESA e Lussemburgo.

Al salone aerospaziale di Parigi Le Bourget, il vice primo ministro lussemburghese e ministro dell’economia Etienne Schneider e il direttore generale dell’Esa Jan Woerner hanno firmato una dichiarazione congiunta su future missioni sugli asteroidi e relative tecnologie e sul possibile utilizzo delle risorse spaziali.
Si è  concordato sull’opportunità di approfondire lo studio degli aspetti tecnici e scientifici dell’esplorazione delle risorse spaziali e delle attività di sfruttamento.
 l’Esa condurrà un’analisi che potrà anche aiutare il Lussemburgo  a definire, a livello nazionale, gli aspetti regolatori della materia.
L’analisi potrà anche offrire un contributo alla classificazione dei “Near Earth Asteroids”, definire metodi di studio della composizione degli asteroidi e affrontare gli aspetti tecnologici legati all’estrazione di minerali e alle operazioni sulle superfici di questi corpi celesti.
0

La raccolta differenziata in orbita.

Come combattere l’inquinamento spaziale? Quello dei detriti  in orbita che vagano nello spazio e che possono danneggiare altri satelliti, oltre ovviamente a un discorso legato prettamente alla sostenibilità ambientale?
Una soluzione a questo annoso problema potrebbe arrivare dagli Stati Uniti, e più precisamente dal Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston che ha sviluppato una sorta di “raccolta differenziata” nello spazio.
Si tratterebbe di uno speciale radar laser in grado di separare alluminio, teflon e titanio e che potrebbe andare di pari passo con un altro progetto attualmente in fase di sviluppo da parte dei ricercatori francesi dell’Università di Tolosa, in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea (Esa). In questo caso si tratterebbe invece di rimorchatori magnetici che, come dei veri camion della spazzatura, potrebbero trascinare fuori dall’orbita i satelliti dismessi attraverso la creazione di forti campi magnetici in grado di attrarli.
Allo stato attuale comunquela Nasa e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti stanno già usando telescopi a terra e radar laser per tracciare gli spostamenti di oltre 17.000 detriti, in modo da evitare collisioni con le missioni in atto.
Copyright © 2017 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald