0

Nell’accordo Italia-Cina sulla via della seta vi è alla fine anche lo spazio.

Non poche sono state le perplessita fino alla fine anche e soprattutto tra le due anime del Governo: Lega e Movimento Cinque Stelle sull’accordo Ialia- Cina.
Vi è compreso anche il settore spaziale.
 Le due Agenzie spaziali lavoreranno in particolare per lanciare un secondo satellite di rilevazione geomagnetica entro il 2021, dopo quello messo in orbita a febbraio dello scorso anno.
E’ un accordo che va nel segno della continuità  del lavoro già avviato dal precedente presidente dell’ASi Roberto Battiston.
0

Giorni decisivi per la via della seta. Probabilmente saranno fuori accordo i programmi sensibili.

Roma è in questi giorni blindata per motivi di sicurezza a causa della visita del Presidente della Cina.
Molti saranno gli accordi che saranno sottoecritti tra i due Paesi Italia e Cina.
Perplessità rimangono sino all’ultimo sul contenuto globale dell’intesa bilaterale, soprattutto tra i fue alleati di Governo.
I programmi spaziali di collaborazione con la Cina, già predisposti dall’ez Presidente dell’ASI Roberto Battiston, saranno parte integrante dell’intesa.
Molti obiettano che siano progetti sensibili e di natura politica e non solamente commerciale.
0

Commissione dell’Unione Europea:finanziamenti per la ricerca nel settore della difesa.

 

Per Bruxelles 20 milioni di euro in più finanzieranno progetti comuni di ricerca nell’industria della difesa.
La Commissione Ue ha dichiarato di aver adottato programmi di lavoro che prevedono uno stanziamento di 500 milioni di euro (568 milioni di dollari) per progetti industriali comuni nell’industria della difesa nel 2019-202
Nei prossimi giorni la Commissione pubblicherà in particolare 9 inviti a presentare proposte per il 2019 e altri 12 inviti a presentare proposte per il 2020.
Il finanziamento concordato  dovrebbe sostenere settori quali la tecnologia dei droni, le comunicazioni via satellite, i sistemi di allarme rapido, l’intelligenza artificiale, la difesa informatica e la sorveglianza marittima.
Secondo il comunicato stampa, 20 milioni di euro in più finanzieranno progetti comuni di ricerca nell’industria della difesa, in particolare nei settori della dominanza dello spettro elettromagnetico e delle future tecnologie di difesa dirompenti, che la Commissione ha identificato come essenziali per mantenere la leadership tecnologica e l’indipendenza dell’Europa. I primi progetti saranno selezionati entro la fine del 2019 dopo la concessione di sovvenzioni ufficiali.
0

Corte dei Conti francese: perplessità sul futuro del lanciatore Ariane 6.

La Corte dei Conti francese non risparmia critiche ai programmi spaziali francesi. Ne abbiamo parlato più volte.
Ora sotto tiro è il programma Ariane 6.
Al riguardo vi è un rapporto circostanziato propriop  sul rapporto pubblicato nel 2019.
Ariane 6 non sembra avere caratteristiche efficaci di concorrenzialità  rispetto soprattutto ai lanciatori privati come Space X, Blue Orign e Virgin Galactic
In definitiva per la Corte dei Conti francese Ariane 6  varato in ESA nel 2014 è soltanto una risposta transitoria nello sviluppo dei lanciatori.
0

Confederazione elvetica: la parte aerospaziale sarà privatizzata.

 

Si apprende che il  Governo elvetico intende scorporare il gruppo tecnologico Ruag, privatizzando il settore internazionale. Rimarrà invece sotto il controllo della Confederazione il comparto che lavora per l’esercito.
Il primo gennaio 2020, la Ruag Holding sarà separata in due entità ben distinte.
La prima – “MRO Svizzera”, circa 2’500 collaboratori – lavorerà per l’esercito, fornendo al Dipartimento della difesa “tutte le prestazioni determinanti per il settore della sicurezza sinora fornite dalla Ruag”
La seconda – “Ruag International” – includerà gli altri settori aziendali: spaziale, aereo e munizioni-
la RUAG International – di cui rimarranno i settori “Aerostructures” e “Space” – sarà a sua volta privatizzata, attraverso un’entrata in Borsa.
“La Confederazione, secondo le intenzioni del Governo elvetico, non potrà mantenere a lungo termine la sua partecipazione a un gruppo tecnologico di tale genere”, poiché “non sussistono pertinenti basi legali e il Consiglio federale non intravvede un interesse pubblico in tal senso”. Idealmente il processo dovrebbe essere portato a termine entro il 2021.
L’assetto complessivo della Ruag dovrebbe essere portato a termine entro il 2021.
0

Settimana cruciale per l’accordo Italia-Cina. Implicazioni sul comparto spaziale e quali?

 

Mancano pochi giorni all’arrivo in Italia del presidente Xi Jinping.
La Lega sta facendo molta resistenza, “quel Memorandum non è la Bibbia, tutto è modificabile” ha detto Salvini.
“Il Memorandum d’intesta Italia-Cina non è in discussione”.Serve  comunque prudenza quando sono in ballo sicurezza e sovranità nazionale.
Vi sono compresi anche  dati sensibili e strategici che riguardano anche lo spazio?
E’ un tema di cui si parla da molto tempo.
Sarà stato approfondito anche dal comitato interministeriale per lo spazio a Palazzo Chigi presieduto dal sottosegretario Giorgetti di cui fa parte la Ministra della Difesa, principale esponente del Governo nei rapporti con la NATO?
0

Nasa: tre contenitori di campioni di rocce lunari stanno per essere analizzati dopo 50 anni.

La NASA ha deciso di recuperare delle rocce lunari prelevate 50 anni fa con la missione lunare Apoloo, e poi messe al sicuro, per farle analizzare.
Le rocce, rimaste sigillate per tutti questi anni, verranno consegnate a nove laboratori di ricerca che avranno l’onore di analizzarle.
Alcune analisi saranno incentrate sulla raccolta di informazioni riguardo alle cosiddette ‘capsule del tempo’, delle piccole perline in vetro che si generano a seguito delle eruzioni vulcaniche. Questi frammenti sono utili per studiare la storia della luna, in quanto sono potenzialmente in grado di svelare la sua conformazione quando era molto meno fredda.
Altri laboratori si occuperanno di indagare la presenza di acqua sul satellite della Terra, cercando di analizzare il suo ruolo nella geologia lunare. Sarà inoltre fondamentale comprendere se il metodo di conservazione adottato dagli esperti della Nasa abbia preservato le caratteristiche delle rocce.
Le informazioni raccolte dalla NASA saranno utilissime  per preparare il ritorno della NASA sulla Luna, in programma entro il 2030.
0

Contrasto ai missili balistici intercontinentali: gli USA preparano armi spaziali.

I missili balistici intercontinentali in possesso di Cina, Russia, Corea del Nord e Iran rappresentano per gli USA una seria minaccia.
Ecco perchè  il Pentagono ha intenzione d dare maggiore impulso allo studio di vari tipi di armi spaziali.
Sono stati chiesti quindi ulteriori 304 milioni di dollari nel budget del 2020 per sviluppare nuove armi a fasci di luce, laser più potenti e altre nuove tecnologie per la difesa missilistica
Allo scopo sarebbero stati avviati due studi:
Il primo con un finanziamento di 15 milioni di dollari sui satelliti armati con laser per stabilire se possono essere in grado di intercettare e distruggere  missili nemici provenienti da piattaforme di lancio
Il secondo si riferisce ai fasci di particelle neutre basate nello  spazio, una forma diversa di energia diretta che distrugge i missili con flussi di particelle subatomiche che viaggiano vicino alla velocità della luce – al contrario dei laser, i cui fotoni viaggiano, appunto, alla velocità della luce.
0

Il Nepal entra nella famiglia spaziale con il supporto di Thales Alenia.

Si apprende che l’autorità delle telecomunicazioni del Nepal e Thales Alenia Space, una joint venture Thales (67 %) e Leonardo (33 %), hanno siglato oggi un accordo grazie al quale Thales Alenia Space realizzerà il sistema nazionale per le telecomunicazioni satellitari del Nepal.
Sarà, lanciato in particolare secondo i programmi del Nepal, nel 2022, un satellite a banda C/Ku ad altissima prestazione, che sarà posizionato a 123.3⁰ in uno slot orbitale riservato al Nepal. Si baserà sulla soluzione del sistema satellitare nazionale SpaceBus sviluppata da Thales Alenia Space.
0

Marco Bussetti è in Argentina. Molti i temi della cooperazione tra i due Paesi: anche lo spazio.

 

Il Ministro del MIUR Marco Bussetti è in Argentina
E’ stato reso noto in particolare  che   Italia ed Argentina hanno siglato un programma di cooperazione bilaterale nei settori istruzione, scienza, tecnologia.
 La firma è avvenuta in occasione dell’incontro tenutosi in questi giorni  a Buenos Aires tra il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ed il suo omologo argentino, Alejandro Finocchiaro.
Molti i punti principali del programma esecutivo di cooperazione e tra questi anche la coolperazione bilaterale in campo spaziale.
Copyright © 2019 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald