0

Negoziati bilaterali dell’IRAN con l’Italia per il rientro del satellite Mesbah in Iran.Ma con chi?

 Vi ricordate la vicenda del satellite di telecomunicazione iraniano Mesbah?
Ne abbiamo riferito più volte perchè il satellite iraniano, contrariamente alle smentite da parte dell’industia italiana, fu realizzato con il pieno supporto della nostra industria nazionale, malgrado  negli anni 2000 vi fosse il divieto per l’Italia di collaborare con l’Iran nella tecnologia spaziale.
 Ebbene, secondo quanto si apprende da fonti iraniane il ministro iraniano dell’ICT, Mahmoud Vaezi, ha annunciato che sono in corso negoziati bilaterali con l’Italia per il ritorno del satellite di Mesbah in Iran. (ma con chi?)
Si precisa tra l’altro  da parte iraniana che  Mesbah sarebbe uno dei primi progetti satellitari sentinella dell’Iran, la cui costruzione è iniziata nel 1996 e completata 10 anni dopo,
Vaezi  avrebbe  dichiarato: vhe Mesbah non ha avuto la possibilità di essere lanciato nello spazio in quanto l’Italia ha rifiutato di cooperare più con l’Iran sui progetti spaziali a causa delle sanzioni e da allora il satellite è custodito in Italia.
Rimane dunque  complessa e per molti versi oscura una vicenda di cui ne fu interessata anche l’ASI che avrenbbe finanziato  ormai anni fa  all’industia nazionale la piattaforma MITA da cui sarebbe derivata la piattaforma satellitare iraniana.
La documentazione completa è rinvenibile su questo blog.
0

Cosmo-Skymed: tuttofare. Ne è edotto il Governo italiano?

Sono trascorsi dieci anni dal varo del sistema satellitare Cosmo. Slymed.
Dai dati ufficiali si evince che Cosmo-Skymed ha acquisito oltre un milione di scene radar , monitorando ad esempio i siti Unesco e producendo dati fondamentali per osservare fenomeni importanti  e tra questi la valurazione dei danni  conseguenti a disastri naturaki (terremoti, frane , inondazioni, movimento di ghiacciai e controllo di attivita illegali come oil spill o traffici illecoti cose e persone.
E’ stato anche in grado di monitorare i fenomeni migratori.?
Ed in tal caso il sistema satellitare è stato di giovamento al Governo Italiano?
0

L’astronauta Nespoli tra qualche giorno in orbita.

E’ imminente la missione spaziale di Paolo Nespoli che permarrà in orbita per 6 mesi  espletanto importanti esperimenti biomedici.
Vada un omaggio anche ad Oriana Fallaci  che aveva creduto fermamente nelle missioni spaziali!
0

Avio investe in Sardegna

 

Nasce in Sardegna ed in particolare nel Sarrabus una infrastruttura tecnologica unica in Italia e in Europa che, con un investimento di 28 milioni e 35 assunzioni interamente sul territorio fra informatici, chimici, ingegneri, oltre all’indotto, permetterà alla Sardegna di diventare strategica nella filiera dello spazio a livello mondiale.

L’infrastruttura sarà realizzata da Avio, azienda leader nel settore, in partnership con ASI (Agenzia Spaziale Italiana), DASS (Distretto Aerospaziale della Sardegna), Regione e Comune di Villaputzu.

Si apprende che nella infrastruttura, oltre a compiere ricerca e test di prodotti spaziali, saranno prodotti scudi termici interni ed esterni per la famiglia dei lanciatori Vega, che dalla Guyana Francese portano nello spazio satelliti a uso civile, indispensabili in operazioni quali il controllo della terra e delle variazioni climatiche.

0

Lattuga, patate ed ora anche vino stellare.

E’ vero che le applicazioni spaziali possono essere molteplici, ma al bando le esagerazioni.
Infatti ora si parla anche di vino spaziale.
. A rivelarlo sarebbe  il Business Insider che ha riportato alcune dichiarazioni di una ricercatrice della NASA che ha parlato della possibilità di creare un vino ad anni luce di distanza dalla terra.
Terreno fertile per gli enologi!
0

Doccia fredda dalla NASA: non sarà possibile nel 2030 l’ammartaggio dell’uomo.

“Non è possibile stabilire  una data nella quale l’uomo metterà piede su Marte, e la motivazione è il budget, che, anche se è aumentato di circa il 2%, non basta per sviluppare dei sistemi superficiali per Marte”
Questo  è quanto ha dichiarato il capo dell’unità della NASA per le missioni con equipaggio Bill Gerstenmaier all’incontro, organizzato dall’istituto Americano di aeronautica e astronautica-
La previsione del 2030 dunque al momento non può essere rispettata.
0

Il progetto di Trump di creare un corpo militare spaziale per ora si impantana.

Per il momento niente forze armate spaziali.
La proposta di costruire lo Space Corp per operazioni militari cyber, lo sviluppo di un missile da crociera e lo sfruttamendo di fondi bellici per esigenze di lungo periodo al momento si arena.
Il Congresso americano ha proposto una serie di emendamenti che sarenno approfonditi dalla Casa Bianca.
Nel giugno scorso, il Comitato per le Forze armate americane aveva votato per includere gli Space Corps degli Stati Uniti nell’Atto di autorizzazione alla Difesa del 2018, cioè nel bilancio del 2018. Il nuovo servizio sarebbe amministrato dal Segretario dell’Air Force, come il Corpo dei Marines lo è dal Dipartimento della Marina, ma sarebbe un ramo separato con un seggio nel Joint Chief of Staff.
0

Lussemburgo: nasce la legge per sfruttare miniere sugli asteroidi.

Tra pochi  giorni e pe l’esattezza il primo agosto 2017 entrerà in vigore nel Gran ducato del Lussemburgo la legge che garantisce agli operatori privati la certezza sui propri diritti in materia di risorse estratte nello spazio.
Il primo articolo specifica che le risorse spaziali possono essere soggette a proprietà. La legge lussemburghese stabilisce inoltre le procedure per l’autorizzazione e la supervisione delle missioni esplorative spaziali.
Il quadro giuridico-normativo rappresenta è fondamentale per una strategia complessiva mirata a sostenere lo sviluppo economico a lungo termine di nuove e innovative attività nell’industria spaziale.
0

Presto nel Regno Unito un parco per la scienza e la tecnologia.

Sarà presto costruito nel Regno Unito un parco di sviluppo della Scienza, dell’innovazione e della tecnologia nell’area situata atto  fra le città di Bedford, Luton e Stevenage, che verrà dismessa entro fine 2020. Area che potrebbe addirittura diventare polo leader della ricerca in Europa.
 Il progetto include  anvher una delle piscine più grandi del mondo, con una profondità di 50 metri (tre volte più profonda del Neutral Buoyancy Laboratory della NASA), un hotel con 120 posti letto, un teatro per conferenze e un centro di formazione per gli astronauti.”.
Oltre alla piscina ci sarà anche una “centrifuga umana” di quelle impiegate per la formazione degli astronauti, progettata per abituare il corpo umano a prevenire la perdita di coscienza indotta da elevati tassi di accelerazione G. Ne avevamo parlato in occasione
 La struttura, secondo gli auspici  potrebbe spianare  la strada per il volo spaziale commerciale consentendo anche alla “gente comune di sottoporsi a un programma di formazione completo per astronauti.
0

Migranti in mare: un aiuto dallo Spazio?

Un tema su cui forte è l’attenzione da parte dell’Europa ed in particolare dall’Italia è quello dei soccorsi dei migranti in mare .
Possono servire i satelliti,
Non lo sappiamo in termini operativi.. Sappiamo soltanto che ad oggi molti sono stati gli investimenti  finanziari anche in Italia.
Negli ultimi tre anni è stato sperimentato Closeye, questo il nome del sistema finanziato dalla Commissione europea che mette a sistema tecnologie dell’aerospazio, operazioni della Marina militare e decisioni del ministero dell’Interno.
Molto esplicativo è questo video ( rinvenibile su Internet) dove interviene anche il Presidente dell’ASI Battiston.
Il governo ne è edotto ?
Copyright © 2017 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald