0

Accordo di cooperazione scientifica Italia-Israele.

Italia ed Israele hanno rinnovato qualche giorno fa l’accordo per la  cooperazione scientifica e tecnologica nel settore industriale per il 2019.
I temi dei progetti di ricerca congiunti dovranno rientrare nelle seguenti aree: medicina, biotecnologie, salute pubblica e organizzazione ospedaliera; agricoltura e scienze dell’alimentazione; applicazioni dell’informatica nella formazione e nella ricerca scientifica; ambiente, trattamento delle acque; nuove fonti di energia, alternative al petrolio e sfruttamento delle risorse naturali; innovazioni dei processi produttivi; tecnologie dell’informazione, comunicazioni di dati, software, sicurezza cibernetica; spazio e osservazioni della terra; qualunque altro settore di reciproco interesse.
0

La NASA ritorna sulla Luna.

Dopo la nomina ufficiale dell’amministratore, operativo da poco più di un mese,la Nasa rende noto di aver affidato a Steve Clarke il ruolo di vice amministratore associato per le esplorazioni nell’ambito della Divisione per le missioni scientifiche. Clarke è entrato alla Nasa nel 2000 come ingegnere responsabile delle missioni robotiche
 Nella nuova posizione sarà l’interfaccia tra le Direzioni delle missioni della Nasa, la comunità scientifica e aziende esterne interessate allo sviluppo di una strategia per le esplorazioni umane e robotiche.
Con il coordinamento di Clarke, la Nasa  prepara il ritorno dell’uomo sulla Luna nel prossimo decennio.
Le nuove missioni umane saranno precedute da quelle robotiche commerciali attese per il 2019 e serviranno a spedire strumentazioni e tecnologia sulla superficie lunare per preparare le nuove passeggiate dell’uomo. Tra gli strumenti presi in esame, tutto il corredo utilizzato dalla Resource Prospector, la missione Nasa destinata ad esplorare un polo lunare ma poi cancellata.
0

Il Bilancio spaziale dell’Unione Europea mel periodo(2021-2027) è di 16 miliardi di euro.

Il  6 giugno 2018 la Commissione europea ha proposto un programma molto ambizioso di investimenti nel settore aerospaziale, con un budget da 16 miliardi di euro.
 Il nuovo programma partirà da programmi di successo nella navigazione satellitare come Galileo e Egnos (European geostationary navigation overlay system) o Copernico, nell’osservazione della Terra e svilupperà nuove componenti di sicurezza.
 La Commissione ha proposto anche di rinnovare, con un bilancio di 42,3 miliardi di euro, la rete di infrastrutture per i trasporti (30,6 miliardi di euro), energia (8,7 miliardi di euro) e del digitale (3 miliardi di euro).
 Il 60% del bilancio sarà utilizzato mek settore della climatologia.
0

L’India sempre più forte in campo spaziale.

 

L’annuncio è di qualche giorno fa ed è stato dato proprio dal Goveno indiano.
Sono stati approvati 1,5 bilioni di dollari  per il programma spaziale per i prossimi 4 anni..
Saranno lanciati anche satelliti del peso di circa 4 tonnellate  anche da basi  di lancio indiane.
0

Nel nuovo governo spagnolo la scienza sarà pilotata da un astronauta.

Si chiama Pedro Duque e la sua prima missione nello spazio risale al 1998.
E’ stato indicato titolare di Scienza, Innovazione e Università.dal nuovo premier Sánchez, successore di Mariano Rajoy.
0

NASA: la gestione della stazione spaziale potrebbe passare ai privati.

Con Jim Bridenstine, da poco insediatosi alla NASA come Amministratore, potrebbe avere una svolta la gestione della stazione spaziale che potrebbe in futuro essere gestita dai privati
 Il capo della NASA, Jim Bridenstine, ha avviato  infatti contatti con diverse società internazionali che potrebbero occuparsi delle “gestione ordinaria” dell’Iss.
La Casa Bianca ha fatto sapere a inizio anno che il finanziamento diretto della stazione spaziale in  orbita ( la cui costruzione è costata 100 mikiardi di dollari) verrà sospeso entro il 2025 e l’annuncio ha sollevato una feroce opposizione tra alcuni legislatori. L’investimento annuale degli Stati Uniti nel laboratorio spaziale varia dai tre ai quattro miliardi di dollari.
0

E’ in orbita il satellite cinese Gaofen-6

 La Cina ha lanciato domenica un nuovo satellite per l’osservazione terrestre, battezzato Gaofen-6, che verrà utilizzato per la gestione delle risorse agricole e l’osservazione delle aree colpite da disastri naturali.
Il satellite, messo in orbita tramite un razzo vettore Lunga Marcia-2D è dotato di un migliore apparato foto-ottico ed è in grado di monitorare una porzione maggiore della superficie terrestre.
0

Finalmente un centro per l’economia spaziale.

Nasce presso SDA Bocconi School of Management un centro di ricerca dedicato: si tratta dello Space economy evolution Lab (See Lab) che ha l’obiettivo di studiare l’economia dello spazio, ovvero le ricadute economiche delle attività spaziali.
Il centro di ricerca si chiama Space economy evolution Lab (See Lab), diretto dall’economista e membro del gruppo di studio Space mineral resources dell’Accademia Internazionale dell’Astronautica, Andrea Sommariva.
Si avvarrà del supporto tecnico di tecnico-scientifico e la collaborazione di enti quali l’Agenzia spaziale italiana (Asi), l’Istituto nazionale di astrofisica (INAF), l’Agenzia spaziale europea all’interno della sua iniziativa Esa_Lab@, il Comitato per la ricerca spaziale (Cospar) e con coinvolgimento attivo di imprese del settore come Telespazio, Sitael, e-GEOS, Altec e l’americana Excalibur Almaz.
Dovrebbero esservi tutte le premesse perchè non sia autoreferenziato.
0

Luna e Marte: aziende private in competizione nella corsa spaziale.

Competizione accese tra miliardari nel settore spaziale.
Sono Jeff Bezos, magnate statunitense e fondatore di  Amazon e  proprietario di Blue Origin, società da lui fondata l’8 settembre del 2000. Nata principalmente per sviluppare tecnologie in grado di semplificare e rendere più economici i lanci suborbitali, ora ha ampliato le sue mire, puntando addirittura ad essere la prima azienda privata in grado di permettere all’uomo il ritorno sulla Luna, un insediamento permanente che fungerà da gigantesca area produttiva su cui spostare tutte le aziende del nostro pianeta, rendendo la Terra un luogo puramente residenziale e abbattendo così l’inquinamento.
 L’altro è Elon Musk creatore anche di PayPal e di Tesla.
La sua società Space X ha come obiettivo  portare l’uomo su Marte e creare sul pianeta rosso una colonia in grado di ospitare, inizialmente, 80.000 pionieri. Tutto ciò ha il fine di creare un’alternativa abitativa alla Terra, che nei prossimi decenni dovrebbe sostenere una popolazione superiore ai 10 miliardi di persone.
I costi della missione di Musk, alla luce delle attuali tecnologie, sono ancora proibitivi; tuttavia egli ritiene che, proprio grazie a Falcon X e a Falcon Heavy, razzi sviluppati recentemente da SpaceX, per la colonizzazione di Marte basterà un investimento di 36 miliardi di dollari, che verranno parzialmente coperti dai pionieri, che dovrebbero essere pronti ad investire circa 500.000 dollari a testa.
0

L’europarlamentare Salini di Forza Italia nominato relatore per il programma spaziale europeo.

.La notizia è recente.
Massimiliano Salini di Forza Italia sarà relatore in Europa per il programmma spaziale europeo
Sono compresi nel pacchetto il sistema di osservazione della terra Copernicus, il sistema globale europeo di navigazione satellitare Galileo, il sistema paneuropeo di ingrandimento via satellite Egnos e il progetto Govsatcom per comunicazioni satellitari affidabili.
Copyright © 2018 — CesareAlbanesi.com | Site design by Trevor Fitzgerald